Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Efficienza energetica, assegnati ai Comuni oltre 522 milioni di euro per il 2020
AMBIENTE Efficienza energetica, assegnati ai Comuni oltre 522 milioni di euro per il 2020
CASE & INTERNI

The Rabbit Hole: intreccio d'argilla fra architettura e natura

di Cecilia Di Marzo

Un tunnel sinuoso in mattoni faccia a vista raccorda le preesistenze

Commenti 4152
11/05/2012 - The Rabbit Hole a Gaasbeek (Belgio), progettato dallo studio belga LENS°ASS architecten, sorge sulle rovine di un antico casolare, in cui l’architetto Bart Lens ha realizzato una casa unifamiliare e una clinica veterinaria separate formalmente da uno spazio intermedio.

Il progetto è stato da poco premiato con il Wienerberger Brick Award 2012, nella categoria 'Abitazioni unifamiliari', per l'ampio utilizzo dei mattoni di argilla del più grande produttore di laterizi nel mondo.
Il progetto, infatti, è caratterizzato da un tunnel in mattoni che funge da collegamento tra gli edifici preesistenti (clinica e casa privata) e il giardino. Questo raccordo, denominato 'la tana del coniglio', conduce a un cortile interno, anch'esso rivestito interamente in mattoni.

Dalla posizione più alta del castello di Gaasbeek, la copertura in tegole di argilla può essere facilmente individuata ed è diventata un forte elemento visivo nel paesaggio, inquadrato all'interno della casa anche dal più piccolo dei serramenti.

Architettura e contesto sono splendidamente intrecciati e l'effetto risultante è così naturale che sembra essere stato plasmato dal tempo e dalla storia.

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui