Carrello 0
Acciaio corten e granito per il Centro multifunzionale di Lamego
ARCHITETTURA

Acciaio corten e granito per il Centro multifunzionale di Lamego

di Cecilia Di Marzo

Continuità e integrazione nel progetto di Barbosa & Guimarães Arquitectos

19/06/2012 - La città di Lamego, in Portogallo, è dominata dal parco del monte Santo Estêvão, direttamente collegato al centro della città tramite l'imponente Scalinata del Santuario de Nossa Senhora dos Remedios. Qui, ai piedi del parco, si trova il Multi-purpose Pavilion di Barbosa & Guimarães Arquitectos che, con il proprio progetto, hanno reso più dolce lo skyline dell'altura, sfruttando la pendenza naturale del suolo per annullarne il volume e posizionando una piazza ed un anfiteatro in copertura.

L'originario spazio della fiera agisce come "anticamera" per il nuovo padiglione che ne ha ridisegnato i limiti, trasformandolo in uno spazio più controllato e con nuovi rapporti con le strade circostanti.
 
Sul prospetto sud, dove vi sono gli accessi principali dell'edificio, il grande anfiteatro consente una connessione tra le due piazze, quella nuova più alta e l'altra ad un livello più basso. Con il Padiglione il parco urbano guadagna un nuovo orientamento.

I tre nuovi spazi, il Parco, la Fiera e la Piazza, in diretta congiunzione con l'asse urbano definito dalla Alameda e dall'Escadório de Nossa Senhora dos Remedios, rafforzano significativamente lo spazio pubblico della città di Lamego.

Il Padiglione, la struttura di "ancoraggio" dell'intervento, è un parallelepipedo in acciaio corten,  posizionato a sbalzo al di sopra della scalinata, quasi a voler simulare un cannocchiale sulla città. La struttura consente vari usi, frutto della natura polivalente e delle dimensioni dell'arena e del foyer. L'edificio offre anche docce e spogliatoi, una sala polivalente e un auditorium per 120 persone e un parcheggio di quattro piani interrati.

Il granito, presente nel sottosuolo e nell'architettura di Lamego, riveste questi nuovi spazi pubblici, rafforzando il carattere di continuità e di integrazione che il progetto persegue come obiettivi.
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui