Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Sismabonus 110%, come funziona la detrazione 90% dell’assicurazione
RISTRUTTURAZIONE Sismabonus 110%, come funziona la detrazione 90% dell’assicurazione
AZIENDE

Levocell sponsor tecnico del FAI per l’intervento di riqualificazione della Villa del Balbianello

Commenti 2798
11/06/2012 - L'intervento di ripristino sull’unica via di accesso carraia alla Villa del Balbianello riveste una particolare importanza per il FAI in quanto ha permesso di rendere il percorso più agevole ed inoltre ha garantito un migliore accesso alle persone con difficoltà motorie, dando la possibilità ad un pubblico più vasto di godere della bellezza del luogo.

Essendo la Villa del Balbianello già inserita nel circuito della ville storiche del lago insieme a Villa Carlotta a Tremezzo, Villa Vigoni a Loveno di Menaggio, Villa Melzi a Bellagio, potrebbe diventare anche il naturale raccordo tra la Greenway del Lago di Como. L’operazione, si pone in stretta interazione con gli interventi di miglioramento e valorizzazione delle superfici boscate del Dosso del Lavedo che permetteranno di collegare la Villa del Balbianello anche attraverso i sentieri presenti nell’area boscata.

Entrambi gli interventi sono inseriti nel progetto integrato d'area "ECOLARIUS - Diffondere la cultura dell'ambiente e del paesaggio tra lago e montagna" e sono in parte finanziati con il Programma operativo FESR 2007-2013 - Asse 4 "Tutela e valorizzazione del patrimonio naturale e culturale", in parte con il "Fondo di rotazione per i soggetti che operano in campo culturale 2010-2012" di Regione Lombardia ai sensi della L.R. 19/04 ed in parte con fondo propri.

La strada si sviluppa per una lunghezza totale di m 887 suddivisa in due porzioni, una di 220 m ca che va  dalla Villa al cancello monumentale d’ingresso e la seconda, di ca 660 m, dal cancello fino al limite della proprietà del FAI, la cui  riqualificazione è stata possibile grazie all’impiego del Sistema Pieri® Chromofibre Vba con i prodotti Pieri® Chromofibre 1B 25, Pieri® Vba Bio 2 Grigio e Pieri® Vba Protector di Levocell.

Nel primo tratto, si verificavano grandi problemi di dilavamento e di ruscellamento delle acque per la mancanza di un sistema di smaltimento adatto. L’intervento è stato realizzato nel seguente modo: risagomatura della sezione della strada e ripristino del manto stradale in ghiaino; formazione di nuove cunette laterali per lo smaltimento delle acque meteoriche; integrazione delle predisposizioni per l’illuminazione.

Nel secondo tratto invece la pavimentazione esistente era costituita da una porzione in terreno stabilizzato misto a innumerevoli rattoppi cementizi dovuti alle annuali manutenzioni eseguite per ovviare al continuo degrado e che rendevano molto disagevole il transito a piedi e dei mezzi motorizzati e da un’ultima porzione, di oltre 250 m, in asfalto. L’intervento su tale tratto è stato articolato con le seguenti modalità: risagomatura della sezione della strada e realizzazione di un getto di calcestruzzo di fondazione e di una pavimentazione ghiaia a vista in calcestruzzo architettonico Pieri® Chromofibre Vba con sabbia ed aggregati locali; manutenzione del sistema di smaltimento delle acque esistente, sua integrazione ove non presente e posa in opera delle predisposizioni per l’illuminazione.

La finitura superficiale della strada, come specificato sopra, è stata realizzata quindi in parte in ghiaino, riproponendo la situazione attuale, e, in parte, con la pavimentazione architettonica Pieri® Chromofibre Vba,  che, una volta acquisita nel corso degli anni una patina biologica naturale, avrà un aspetto simile a quello di uno stabilizzato naturale.

Le campionature eseguite prima di iniziare i lavori hanno infatti permesso di realizzare un mix-design della finitura superficiale che si avvicina il più possibile ai colori naturali esistenti in loco. Come ogni intervento architettonico sui beni monumentali dovrà "invecchiare" ed adattarsi ai luoghi, ma ciò ci consentirà, soprattutto per la porzione di strada più acclive,  di ridurre notevolmente gli oneri legati alla manutenzione, sia in termini di tempo che, soprattutto, di costi.
 

LEVOCELL su Edilportale.com

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui