Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Abusi edilizi, responsabile anche il nuovo proprietario
NORMATIVA Abusi edilizi, responsabile anche il nuovo proprietario
NORMATIVA

Le PA pagano i debiti alle imprese con titoli di Stato

di Paola Mammarella

Entro giovedì 28 giugno le domande per convertire i crediti superiori a mille euro

Vedi Aggiornamento del 17/07/2012
25/06/2012 - Sempre più vicina la soluzione dei ritardati pagamenti da parte della Pubblica Amministrazione nei confronti delle imprese. Entro giovedì 28 giugno gli interessati possono presentare domanda per convertire i crediti in titoli di Stato.
 
Secondo il DM 22 maggio 2012 del Ministero dell’Economia e delle Finanze, così come spiegato meglio dalla Circolare 23/2012 della Ragioneria Generale dello Stato, i titolari di crediti per transazioni commerciali o fornitura di beni e servizi, maturati al 31 dicembre 2011, possono presentare domanda di estinzione attraverso l’assegnazione di titoli di Stato nel limite massimo di 2 miliardi di euro.
 
I titolari di crediti, il cui ammontare non può essere inferiore a mille euro, possono inviare la domanda all’amministrazione che ha usufruito della fornitura. In caso di fusione tra imprese, la domanda deve essere presentata dalla società incorporante o da quella risultante dopo la fusione.
 
È necessario utilizzare il fac-simile del modello allegato al Decreto ministeriale, in cui indicare i dati anagrafici del soggetto creditore o la denominazione della società, il codice fiscale o partita iva, la residenza o sede legale del creditore, l’amministrazione debitrice, l’importo del credito vantato e l’ammontare per cui si richiede l’estinzione con titoli di Stato.
La domanda deve essere sottoscritta dal creditore o dal rappresentante legale della società.
 
Dopo aver ricevuto l’istanza, l’amministrazione avvia un’istruttoria e ordina i crediti in base a determinati requisiti, ad esempio dando la precedenza a quelli meno recenti o con importi meno elevati.
 
Anche la Ragioneria generale dello Stato cura un’istruttoria. In base alle verifiche, che devono essere effettuate entro il 31 agosto 2012, vengono trasmesse le liste all’Ispettorato generale del bilancio entro il 28 settembre 2012.
 
Ricordiamo che il problema dei ritardati pagamenti ha causato nelle scorse settimane una vera e propria rivolta delle imprese che, riunite nel D-Day delle costruzioni lo scorso 15 maggio, hanno minacciato decreti ingiuntivi e una class action contro la Pubblica Amministrazione (Leggi Tutto).

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Imposta la nazione di spedizione

La scelta della nazione consente la corretta visualizzazione dei prezzi e dei costi di spedizione