Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Superbonus 110%, la caldaia a condensazione permette il ‘salto di classe’?
NORMATIVA Superbonus 110%, la caldaia a condensazione permette il ‘salto di classe’?
PROFESSIONE

Riforma del Lavoro: definite le norme per le Partite Iva

di Rossella Calabrese

Sì del Senato ai requisiti che fanno scattare l’obbligo di assunzione

Vedi Aggiornamento del 31/12/2012
Commenti 23576
01/06/2012 - Il Senato ha approvato ieri con voto di fiducia il disegno di legge per la Riforma del lavoro.
 
Il Governo ha chiesto e ottenuto dall’Aula di Palazzo Madama la fiducia su quattro emendamenti sostitutivi del testo del disegno di legge, che intervengono anche sull’articolo 9, quello teso a scoraggiare l’utilizzo di lavoratori titolari di Partita Iva per collaborazioni che hanno invece le caratteristiche di lavoro subordinato.
 
Il testo approvato conferma le modifiche apportate la scorsa settimana dall’emendamento Treu-Castro, e cioè l’esclusione dall’obbligo di assunzione per i titolari di Partita IVA che abbiano un reddito annuo da lavoro autonomo di oltre 18.000 euro e che svolgano prestazioni lavorative connotate da competenze tecniche di grado elevato.
 
Ricapitoliamo tutti i contenuti dell’articolo 9, così come approvato ieri dal Senato.
 
Le prestazioni lavorative rese da titolari di Partita Iva saranno considerate, salvo prova contraria del committente, collaborazioni coordinate e continuative quando ricorrano almeno due dei seguenti presupposti:
a) che la collaborazione duri più di 8 mesi nell’arco di un anno;
b) che il corrispettivo derivante dalla collaborazione costituisca più dell’80% del reddito del collaboratore nell’arco dello stesso anno;
c) che il collaboratore disponga di una postazione fissa di lavoro presso la sede del committente.
 
In presenza di almeno due delle suddette condizioni, il datore di lavoro sarà obbligato ad assumere il lavoratore.
 
Le esclusioni
Non c'è obbligo di assunzione qualora il titolare di Partita Iva abbia entrambi i seguenti requisiti:
a) svolga prestazioni lavorative connotate da competenze tecniche di grado elevato, acquisite attraverso significativi percorsi formativi, o da capacità tecnico-pratiche acquisite attraverso rilevanti esperienze maturate nell'esercizio concreto di attività;
b) abbia un reddito annuo da lavoro autonomo superiore a circa 18.000 euro*.
 
Gli iscritti agli Albi
Sono, inoltre, esclusi dall’obbligo di assunzione i titolari di Partita Iva che svolgono prestazioni lavorative nell’esercizio di attività professionali per le quali è richiesta l’iscrizione ad un ordine professionale, o registri, albi, ruoli o elenchi. La ricognizione di queste attività è demandata ad un Decreto del Ministero del Lavoro, da emanarsi entro 3 mesi dalla data di entrata in vigore della Riforma del Lavoro, sentite le parti sociali.
 
Tuttavia, la norma precisa che il solo fatto che il titolare di Partita Iva sia iscritto all’Albo non determina automaticamente l’esclusione dal campo di applicazione delle nuove regole. Ad esempio, se un architetto con Partita Iva lavora come architetto presso uno studio, può continuare a farlo senza che il titolare dello studio sia tenuto ad assumerlo. In caso contrario, cioè se il professionista con Partita Iva svolge un’attività diversa da quella per la quale è iscritto all’Albo, il suo datore di lavoro dovrebbe assumerlo.
 
La decorrenza
La stretta sulle finte Partite IVA si applicherà ai rapporti di lavoro che inizieranno dopo l’entrata in vigore della Riforma, mentre per i rapporti in corso a tale data è prevista una fase transitoria di un anno, per dare ai professionisti e alle aziende il tempo di adeguarsi alle nuove regole.

Oneri contributivi
Quando la prestazione lavorativa del titolare di Partita IVA si configura come collaborazione coordinata e continuativa, gli oneri contributivi derivanti dall’obbligo di iscrizione alla gestione separata dell’Inps, saranno per due terzi a carico del committente e per un terzo del collaboratore, il quale, nel caso in cui la legge gli imponga l’assolvimento dei relativi obblighi di pagamento, avrà il diritto di rivalsa nei confronti del committente.
 
Il provvedimento passa ora all’esame della Camera dei deputati.
 
 
* “reddito annuo da lavoro autonomo non inferiore a 1,25 volte il livello minimo imponibile ai fini del versamento dei contributi previdenziali di cui all’articolo 1, comma 3, della legge 233/1990”. Tale livello minimo imponibile si ottiene moltiplicando per 312 il minimale giornaliero stabilito per gli operai del settore artigianato e commercio, che per il 2012 l’INPS fissa a 45,70 euro.
 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
Daniele

già.....Giuseppe, in un mondo perfetto avresti ragione....ma il nostro di mondo, almeno quello italiano, vede figure pseudo-professionali che, d'accordo con il proprio titolare, si assoggettano alle partite IVA con il solo fine di decurtare il valore dei contributi e di sfuggire all'applicazione del costo orario. Avere una partita IVA non vuol dire lavorare 10 ore al giorno ma anche informarsi, specializzarsi, evolvere il mestiere in sintonia con quello che il mercato ha da offrire. Purtroppo siamo in un mondo IMPERFETTO e certe leggi assurde servono! Saluti

thumb profile
Michael

Escludendo gli iscritti agli Albi professionali tagliano fuori l'80% delle false partita IVA. Se volessero veramente risolvere il problema dovrebbero affrontare la questione proponendo un contratto collettivo per i professionisti "subordinati" che riconosca a tutti il diritto ad una paga minima commisurata all'attività svolta, l'eliminazione dello stage non retribuito e l'assunzione obbligatoria di dipendenti per professionisti che hanno elevati fatturati, perchè ancora ce ne sono...). E infine abolizione degli Ordini professionali che non sono più in grado di tutelare i loro iscritti. Tutti abbiamo diritto ad una vita dignitosa e priva di sfruttamento.


x Sondaggi Edilportale
Superbonus 110%, si parte col piede giusto? Partecipa