Carrello 0
AMBIENTE

Sardegna, un ddl per la riqualificazione paesaggistica

di Rossella Calabrese
Commenti 3880

Norme contro gli insediamenti abusivi e per velocizzare i condoni edilizi in sospeso

Vedi Aggiornamento del 14/10/2014
Commenti 3880
02/07/2012 - Piani attuativi di riqualificazione paesaggistica, finalizzati a contrastare il disagio sociale, la tensione abitativa presente nei territori caratterizzati da una diffusione insediativa discontinua e l’uso improprio di aree di rilevante valenza paesaggistica.
 
Sono questi i contenuti di un nuovo disegno di legge varato dalla Giunta regionale della Sardegna, che si pone anche l’obiettivo di dare piena attuazione al Piano Paesaggistico Regionale, nella sua funzione di strumento di sintesi tra tutela e valorizzazione del patrimonio naturale e storico-paesaggistico.
 
“Abbiamo completato la sintesi dei numerosi incontri avuti sul territorio e con importanti esponenti della politica regionale per elaborare un Disegno di Legge che consenta di intervenire, in modo efficace, nella lotta agli insediamenti abusivi, oltre che affrontare e velocizzare i processi di accelerazione delle procedure di condono edilizio ancora non definite”, ha commentato l’assessore regionale dell’Urbanistica, Nicola Rassu.
 
“Con questo DDL - ha evidenziato l’esponente dell’esecutivo - non si riaprono assolutamente i termini del condono edilizio, di esclusiva competenza statale, ma solo i termini per la ricognizione aggiornata, comune per comune, dell’esistenza di fenomeni di abusivismo e per la perimetrazione dei piani di risanamento urbanistico e la loro successiva approvazione, consentendo di dare una soluzione equilibrata a tali fenomeni”.
 
Il disegno di legge introduce un nuovo strumento nel panorama urbanistico regionale, il “Piano attuativo di riqualificazione paesaggistica” e ne definisce finalità, contenuti e modalità con cui regolare gli interventi di demolizione delle volumetrie esistenti non sanabili e la previsione di poter realizzare nell’ambito del piano, abitazioni di edilizia residenziale destinate a prima casa per particolari categorie sociali svantaggiate.
 
Il DDL, inoltre, intende fornire chiarezza interpretativa nella corretta applicazione del PPR rispetto ad alcune situazioni che stanno creando incertezze applicative con riferimento alla corretta disciplina delle zone umide costiere che riguarda vaste aree territoriali e circa 55 comuni sardi.


Foto tratta da: sardegnadigitallibrary.it
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Il programma del Governo Conte bis. Come realizzarlo? Partecipa