Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Superbonus 110%, Conte: ‘intendiamo estenderlo anche oltre il 2021’
NORMATIVA Superbonus 110%, Conte: ‘intendiamo estenderlo anche oltre il 2021’
AZIENDE

Prospazio e Lea Ceramiche partner di Lamborghini per Protoshop

Il primo edificio industriale multipiano in Classe A in Italia

Commenti 2412
Prospazio e Lea Ceramiche partner di Lamborghini per Protoshop
Prospazio e Lea Ceramiche partner di Lamborghini per Protoshop
13/07/2012 - Protoshop di Lamborghini è il primo edificio industriale multipiano in Classe A in Italia: con una estensione di quasi 5.000 mq, ospita il reparto “Prototipi e Preserie” della famosa casa automobilistica. Il progetto è stato realizzato dallo studio di architettura Prospazio di Modena con la collaborazione di Lea Ceramiche per il rivestimento della facciata ventilata con lastre ultrasottili (3,5mm di spessore) e formato oversize (3mx1m) Slimtech.

Design, sicurezza e risparmio energetico sono gli elementi più significativi sviluppati da Prospazio in un'opera di architettura ed ingegneria che sintetizza lo stile estremo e senza compromessi di Lamborghini. Le forme nette, il carattere muscolare e le linee a spigolo vivo sono alla base del “concept” architettonico, che trasforma un semplice volume industriale in un'architettura con una forte identità.

La struttura in cemento armato e lo studio geometrico dei 3 nuclei rigidi dei vani scala a delineare la sagoma triangolare dell’edificio, garantiscono sicurezza, forza e stabilità. Anche la scelta dei materiali di rivestimento è caduta su un prodotto altamente innovativo ed ecosostenibile di ultima generazione: Slimtech di Lea Ceramiche. 100% eco-compatibile con diminuzione delle emissioni in atmosfera, un uso efficace delle risorse naturali, risparmi su trasporti e imballaggi, riduzione di scarti e rifiuti, ottimizzazione delle performance energetiche, Lea Slimtech è ideale nella costruzione di edifici a basso consumo energetico.

L’estrema leggerezza (3,5mm di spessore) e il grande formato lo rendono il materiale tecnicamente più appropriato per pareti ventilate e per sistemi di cappotti termici. Come nel progetto Protoshop di Lamborghini, in cui parte della facciata è realizzata con un sistema di pareti ventilate per risolvere qualsiasi esigenza termica ed acustica e per mantenere un livello ottimale di edilizia sostenibile. Imperativo d’obbligo la scelta di materiali di qualità capaci di preservarsi inalterati nel tempo e che richiedano pochissimi interventi di conservazione.

Le speciali lastre in grès laminato Slimtech, posate in orizzontale con un sistema di ancoraggio a vista, nel grande formato di 3mx1m e nella finitura cromatica “Nero Lamborghini” creata appositamente da Lea Ceramiche per questo progetto, assolvono in modo esemplare molteplici ruoli: sia quello estetico che funzionale e tecnico.  

Protoshop, progetto di eccellenza di un intero percorso che Lamborghini e Audi hanno intrapreso per diventare aziende a impatto zero, vale a dire “CO2 free”, è in grado di abbattere  le emissioni di CO2 nell’aria di quasi 33mila kilogrammi all’anno e di contribuire con un risparmio energetico  di oltre 53mila kWh annui, un efficientamento energetico ben superiore a quanto imposto dalla legge 1362/2010. Se comparato con i classici edifici industriali di pari dimensioni, il risparmio energetico calcolato  in alberi “utili”  a compensare l'emissione di CO2, ne prevede un quantitativo di 200 necessari ai normali fabbricati, solo 80 per il Protoshop. 

Il risparmio energetico che porta in Classe A l'edificio si realizza inoltre con la posa di un involucro di coibentazione che avvolge ogni singola parte dell'edificio, cominciando dal rivestimento delle fondazioni fino ai dettagli di copertura. Grandi vetrate, realizzate in policarbonato  a triplo strato montato con doppia camera e con filtri di abbattimento di rifrazione solare, realizzati da Gallina SRL e Lazzaro, garantiscono la corretta illuminazione solare e l’alto livello di isolamento termico: caratteristiche fondamentali per uno spazio adibito alla creazione di prototipi.

Performanti anche i tempi di progettazione e di esecuzione: meno di 15 mesi dalla prima bozza di progetto all'inaugurazione, 300 giorni  dall'inizio del cantiere alla fine lavori, perfettamente in linea con un'azienda abituata alle grandi velocità. La gestione dei lavori del cantiere a cura di Prospazio, che ha creato per l’occasione un team di venti progettisti e tecnici di età media 35 anni, è stata inoltre integralmente informatizzata mediante una nuova applicazione su iPad.

L'applicazione, ideata su misura per questo progetto e diventata nuovo standard aziendale, semplifica il coordinamento di quella rete complessa che ruota attorno al cantiere, costituita da progettisti, committenza e dalle innumerevoli imprese che hanno realizzato l'edificio. Tutti i disegni, la contabilità, le foto  di cantiere ed in generale tutti i documenti dell'appalto sono stati sempre aggiornati con il procedere dei lavori, coordinati e condivisi con le forze in campo, garantendo efficienza, rapidità e trasparenza.

LEA CERAMICHE su Archiproducts.com

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Superbonus 110%, si parte col piede giusto? Leggi i risultati