Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Decreto Requisiti Tecnici, posa in opera esclusa dai massimali di costo
NORMATIVA Decreto Requisiti Tecnici, posa in opera esclusa dai massimali di costo
RISPARMIO ENERGETICO

La Puglia riscrive le regole per i certificatori della sostenibilità

di Rossella Calabrese

Nuovo Protocollo di intesa dopo la bocciatura del Regolamento del 2010 da parte del TAR

Vedi Aggiornamento del 21/02/2013
Commenti 10450
30/07/2012 - Punto di svolta per i certificatori della sostenibilità degli edifici in Puglia. Giovedì scorso è stato siglato il Protocollo di intesa per la definizione delle modalità di attuazione del sistema di formazione e di accreditamento come certificatori di sostenibilità degli iscritti agli albi professionali.
 
Il Protocollo - firmato presso la sede dell’Assessorato alla Qualità del Territorio - è stato condiviso dagli Ordini degli Ingegneri, degli Architetti, dalle Federazioni Regionali degliOrdini dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali e degli Agrotecnici e Agrotecnici Laureati, dai Collegi dei Geometri e Geometri Laureati della Puglia, dei Periti Agrari e dei Periti Agrari Laureati, dei Periti Industriali, degli Agrotecnici e degli Agrotecnici Laureati.
 
Nel Protocollo sono definiti i requisiti per l’accreditamento dei certificatori della sostenibilità degli edifici, i contenuti e i moduli del corso di base e del corso qualificante per i professionisti privi della necessaria esperienza e competenza in materia di sostenibilità, la composizione delle commissioni di valutazione.
 
La sottoscrizione del Protocollo mira a superare il contenzioso avviato dagli Ordini degli Ingegneri di Foggia, Bari, Taranto e Lecce presso il TAR della Puglia contro la Regione per l’annullamento della Delibera 2272 del 24 novembre 2009 riguardante il sistema di certificazione della sostenibilità degli edifici a destinazione residenziale, e del Regolamento 10 del 10 febbraio 2010. Il contenzioso si concluse con l’annullamento delle norme regionali e con la conseguente sospensione dell’elenco dei Certificatori Energetici (leggi tutto).
 
La Regione, con questa intesa, intende quindi riaffermare l’importanza del rigore e della competenza nell’attuazione del Protocollo Itaca Puglia, promuovendo l’innalzamento delle capacità professionali dei tecnici, per garantire i livelli di qualità ambientale previsti dal Protocollo, nonché per creare nuove opportunità lavorative nel settore edilizio.
 
Soddisfazione per la sottoscrizione del Protocollo è stata espressa dall’assessore alla Qualità del Territorio, Angela Barbanente.
 
La Regione procederà ora rapidamente all’approvazione della delibera di attuazione del Protocollo, “con l’auspicio - si legge nel comunicato - che il lungo periodo di confronto con le rappresentanze delle professioni con competenze nel campo della progettazione di edifici sostenibili comporti una maggiore diffusione in Puglia di piani e progetti coerenti con i principi e i metodi dell’edilizia sostenibile approvati dalla Regione. Innovare è difficile, ma se si è convinti della bontà degli obiettivi e degli strumenti, con l’impegno e la tenacia gli ostacoli si superano”.

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui