Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
DL Semplificazioni, appalti fino a 150.000 euro senza gara fino al 31 luglio 2021
NORMATIVA DL Semplificazioni, appalti fino a 150.000 euro senza gara fino al 31 luglio 2021
ARCHITETTURA

Ungheria: elementi in corten per l'antico Szathmáry Palace

di Valentina Ieva

Lo studio MARP sceglie il netto contrasto tra antico e moderno

Commenti 3206
19/09/2012 - Lo studio d’architettura MARP di Budapest ha pensato di restituire un ruolo preciso alle antiche rovine dello Szathmáry Palace di Pécs, reinterpretando una porzione d’angolo mancante in un nuovo elemento monumentale in grado di stabilire un dialogo sia con l’ambiente naturale e sia con ciò che resta dell’architettura preesistente.

La ricostruzione intende porsi, pertanto, non come ripristino dell’architettura originaria, ma piuttosto come nuovo punto di osservazione privilegiato, in netto contrasto con la parte antica, che volutamente appare incompleta.

La realizzazione dello studio ungherese si compone di vari elementi in Corten: una struttura a ‘L’ a cielo aperto, definita da pannelli forellati che racchiudono una scalinata nascosta con passerella per la vista panoramica sul parco circostante di Tettye valley; di una pavimentazione utilizzabile come piattaforma per le rappresentazioni teatrali all’aperto; di sedute per gli spettatori sparpagliate realizzate in blocchi regolari.

Le lastre che compongono la struttura a ‘L’ sono forellate per consentire da un lato alla luce di filtrare all’interno della scalinata nascosta, dall’altro per favorire la vista attraverso la cornice metallica nel giardino interno.

Le rovine dello Szathmáry Palace rappresentano uno tra i monumenti più preziosi presenti in Ungheria precisamente a Pécs, uno dei più antichi centri della regione sudoccidentale del Paese. Le antiche rovine si trovano nel parco di Tettye Valley, dove agli inizi del XVI secolo venne realizzato un palazzo in pietra locale su due livelli, dotato di corte interna.

Durante l’occupazione ottomana probabilmente la costruzione venne utilizzata come dimora dei dervishi turchi, successivamente venne abbandonata e le condizioni del palazzo peggiorarono notevolmente, finchè agli inizi del XX secolo una parte è stata demolita, mentre le rovine sono state utilizzate fino a tempi recenti come scenografia per gli spettacoli all’aperto.

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
AlenxdroTO

Iniziamo a far veere un po' d'architettura? piante prospetti e sezioni sono alla base ed essenziali per capire l'idea e i ragionamenti fatti dagli architetti..belle foto non bastano!!


x Sondaggi Edilportale
Edilizia, Superbonus 110%, Semplificazioni. Quali sono le misure più urgenti? Leggi i risultati