Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Bonus idrico da 1000 euro per ridurre gli sprechi di acqua
RISPARMIO ENERGETICO Bonus idrico da 1000 euro per ridurre gli sprechi di acqua
NORMATIVA

L’abitabilità degli edifici potrebbe essere autocertificata

di Paola Mammarella

Agibilità anche per singoli immobili indipendenti strutturalmente e funzionalmente, novità nel ddl start up

Vedi Aggiornamento del 10/10/2014
Commenti 22388
20/09/2012 - Più facile ottenere l’agibilità e l’idoneità a fini abitativi degli immobili, grazie anche a un ricorso più ampio all’autocertificazione. È uno degli obiettivi contenuti nel ddl sull’Agenda digitale e le start up innovative, predisposto dal Governo per segnare la fase 2 della ripresa economica.
 
Agibilità anche per i singoli immobili
La bozza diffusa nei giorni scorsi introduce una modifica al Dpr 380/2001, Testo unico dell’edilizia. In particolare, all’articolo 24, riguardante il rilascio del certificato di agibilità, viene aggiunto un comma in base al quale l’agibilità può essere accordata anche a singoli edifici o singole unità immobiliari che compongono lo stesso edificio.
 
Per poter usufruire di queste semplificazioni, le porzioni o le unità di fabbricati devono essere autonome sia dal punto di vista strutturale che da quello funzionale, nonché dotate delle relative opere di urbanizzazione primaria.
 
L’agibilità parziale può ad esempio riguardare gli interventi edilizi a schiera, ma anche i complessi di edifici legittimati con un unico titolo abilitativo.
 
Autocertificazione e idoneità edifici
Il ddl contiene inoltre una modifica al Dpr 445/2000 in materia di documentazione amministrativa. Viene esteso il raggio d’azione delle dichiarazioni sostitutive dell’atto di notorietà, contenute nell’articolo 47, che possono essere utilizzate anche per comprovare l’idoneità dell’alloggio a fini abitativi e per ogni uso consentito dalla legge.

Le misure messe a punto dall’Esecutivo tracciano la fase 2 per lo sviluppo e la crescita del Paese e mirano a una semplificazione delle procedure tale da sostenere la ripresa. Tra le iniziative contenute nella bozza ricordiamo infatti innovazioni nell’attività dei professionisti, crediti di imposta per incentivare il project financing nella realizzazione di infrastrutture, ma anche snellimenti in materia di sicurezza sul lavoro (Leggi Tutto).
 
Tra le altre misure che potrebbero completare il quadro si attendono anche la Via semplificata, che potrebbe far capo ad un unico ufficio di riferimento, e una maggiore possibilità di intervento sui beni vincolati.

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui