Carrello 0
Tutti i vincitori del Premio di Architettura e Ingegneria PAI 2012
ARCHITETTURA

Tutti i vincitori del Premio di Architettura e Ingegneria PAI 2012

di Cecilia Di Marzo
Commenti 2338

Migliore realizzazione in assoluto il progetto di restauro di LDA Studio

Commenti 2338
25/10/2012 - Si sono conclusi lo scorso 20 Settembre a Cuneo i lavori della giuria del Premio PAI 2012 - Premio di Architettura e Ingegneria “Cuneo Savona Imperia”, premio biennale organizzato dagli Ordini degli Architetti delle suddette città.

La Giuria ha selezionato opere con una certa coerenza di approccio progettuale, privilegiando alcuni atteggiamenti comuni tra cui la consapevolezza di non consumare territorio, lavorando sull’esistente, sulla sua reinterpretazione e riscrittura o sulla demolizione e ricostruzione, arricchendo il patrimonio del costruito, con segni contemporanei, in dialogo con la storia, con la memoria e i contesti, intervenendo con sobrietà attraverso linguaggi essenziali.

La Giuria, dopo aver esaminato i 45 progetti candidati, ha deciso all’unanimità di assegnare seguenti Premi.

La Categoria Nuove Costruzioni è stata vinta dall'arch. Vincenzo Ariu (capogruppo) con il progetto Abitare in Liguria : per l’uso del tipo edilizio che dalla regolarità della pianta consente di raggiungere una vivace articolazione volumetrica nel rispetto del paesaggio e garantisce una costante fruizione dell’orizzonte. Si è tenuto conto inoltre che l’intervento ha comportato la demolizione un edificio esistente.

La Categoria Nuove Costruzioni - Migliore integrazione tra architettura e sostenibilità energetica è stata vinta dall'arch. Maurizio Roatta per l' Edificio industriale Monchiero&C. “per l’integrazione dei problemi di contenimento energetico in un tema di delicata attualità, spesso trascurato, quale il perseguire la qualità nelle aree industriali e logistiche”

La Categoria Strutture, Infrastrutture e Impianti Tecnologici è stata assegnata all'ing. Daniele Voarino con 3S Studio il Risanamento e riqualificazione ambientale della sede ex‐ferrovia tratto a levante del territorio comunale di Albisola Superiore “per l’originalità interpretativa nella rilettura di uno spazio nato sui tempi veloci del treno e tradotto sui tempi lenti del pedone, con un interessante intervento di consolidamento strutturale per il tratto in galleria”.

L'arch. Luca Dolmetta di  LDA Studio è, invece, vincitore della categoria Restauro e Recupero di Edifici Esistenti con il Restauro Chiesa‐fortezza di San Pietro (Cipressa) “per aver integrato alcuni temi linguistici della contemporaneità con la radicalità storica del monumento, non facile da avvicinare. Di particolare interesse anche i modi di percorrere la copertura, che proiettano il finito del costruito all’infinito dell’orizzonte”.
Il progetto è stato anche dichiarato Migliore realizzazione in assoluto tra le cinque premiate .

La categoria Spazi Urbani e Paesaggistici è stata vinta dall'opera La craquelure, riqualificazione di Piazza Matteotti (Badalucco) dell'arch. Marco Roggeri , “per la comprensione del minimalismo e del concettualismo contemporanei, ampiamente indagati nel mondo dell’arte, e per la loro trasposizione in uno spazio urbano anonimo”.

La categoria Architettura d’interni e Design è stata assegnata all'arch. Giulia Gaggero con l’opera Casa G+S, “per la finezza intellettuale dell’approccio che dal particolare dello spazio interno passa al generale rileggendo l’autenticità dell’edilizia residenziale ottocentesca; molto suggestivo il controllo della luce”.

Nella stessa categoria, una menzione l'ha meritata l'arch. Luca Massimino con l’opera Grillo, per l’originalità del tema e la sua risoluzione in una figura chiara ed elementare; questa a sua volta risolve in modo brillante tutti i problemi termici, ergonomici e di manutenzione”.

Infine per il riconoscimento alla migliore opera realizzata da un’ impresa iscritta presso una delle Unioni Industriali – Sezione Edili con Sede in una delle tre Province, è stata scelta “La Passatore Costruzioni” S.r.l. per il progetto di Restauro e Riuso del Complesso Ecclesiale di Santa Maria del Belvedere (Cervasca), a cura dell'arch. Luca Soave .
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Lucernari e cupole per illuminare dall'alto, quali usi nei tuoi progetti? Leggi i risultati