Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Superbonus, confermati i tempi più lunghi per condomìni, edifici plurifamiliari e case popolari
RISPARMIO ENERGETICO Superbonus, confermati i tempi più lunghi per condomìni, edifici plurifamiliari e case popolari
AZIENDE

AHEC per Infinity Bench di Martino Gamper

Al London Design Festival il legno di latifoglie americane

Commenti 1181
AHEC per Infinity Bench di Martino Gamper
AHEC per Infinity Bench di Martino Gamper
AHEC per Infinity Bench di Martino Gamper
AHEC per Infinity Bench di Martino Gamper
AHEC per Infinity Bench di Martino Gamper

09/10/2012 - Il London Design Festival ha offerto all’ American Hardwood Export Council - AHEC un’altra splendida occasione di mostrare tutte le possibilità offerte dall’uso del legno di latifoglie americane anche in ambienti esterni.

Per il progetto Bench Years, che festeggia i 10 anni del London Design Festival, AHEC ha collaborato con il designer Martino Gamper alla realizzazione di Infinity Bench, una panca in legno di latifoglie di 6 metri di lunghezza. Originale e funzionale, la panca ha una seduta che presenta un sofisticato motivo stile patchwork e che le è valsa l’esposizione nei John Madejski Gardens del Victoria and Albert Museum.

Infinity Bench nasce dall’interesse di Gamper per l’autoprogettazione, il concetto elaborato dal designer italiano Enzo Mari volto a promuovere la produzione di mobili funzionali di qualità superiore con materiali facilmente reperibili a casa propria. Infinity Bench di Gamper esalta il colore, la venatura e la forma del legno attraverso l’utilizzo di diverse specie di latifoglie.

Per realizzare la panca, il designer ha sottoposto a trattamento termico diverse essenze americane: quercia rossa (American Red Oak), acero tenero (American Soft Maple), frassino (American Ash), betulla gialla (American Yellow Birch) e tulipier (American Tulipwood). Tale processo, che consiste nell’esposizione del legno a temperature elevate in un ambiente controllato, altera in modo permanente le caratteristiche chimico-fisiche del materiale. Limitando la capacità dell’essenza di assorbire l’umidità, il trattamento aumenta la stabilità dimensionale del progetto riducendo al contempo fenomeni di convessità, deformazione e torsioni che possono apparire al variare delle condizioni di umidità. Il trattamento termico consente inoltre di rimuovere dal legno i suoi componenti nutritivi, e quindi la fonte di diffusione di tarli e funghi. Ne risulta una maggiore stabilità dimensionale e resistenza alla decomposizione, fattori in grado di allungare notevolmente la vita utile della panca  e ridurre la necessità di interventi di manutenzione.  Infinity Bench presenta un design volutamente essenziale, che permette di porre in rilievo le venature naturali, i motivi e le finiture del legno esaltandone la bellezza.

"Punto di partenza del mio progetto è il concetto di autoprogettazione, che prevede di usare le tavole di legno nel modo più semplice possibile. Intendevo infatti mettere in luce la vivacità e l’irregolarità creata dall’uso di diverse specie di legno" afferma Gamper.

Martino Gamper ha studiato scultura e design di prodotto presso l’Accademia delle Belle Arti di Vienna dopo un periodo di apprendistato presso un mobiliere. È poi passato al design di prodotto sotto la guida dell’architetto e progettista Matteo Thun. Nel 1994, prima di laurearsi, è stato assunto dallo studio milanese di Thun, dove ha proseguito l’attività di progettazione di mobili e altri prodotti. Nel 1997 si è trasferito a Londra per studiare al Royal College of Art, scegliendo di restare nel Regno Unito, divenuto la sua seconda patria. Nel 2007, in occasione dell’evento 100 Chairs in 100 Days, Gamper ha realizzato ben 100 sedie, in altrettanti giorni, che esprimono tutta la sua innata curiosità, il suo bagaglio culturale e il profondo rispetto per la storia del design. Nel 2011 si è aggiudicato il Premio Moroso di Arte Contemporanea e il Premio messo in palio dal Wallpaper* Magazine per il miglior uso del colore. Di recente ha ricevuto l’incarico di progettare gli arredi urbani del percorso compreso tra il Victoria Park e l’Olympic Park di Londra in collaborazione con la London Thames Gateway Development Corporation (LTGDC).

Attiva nella promozione del legno di latifoglie americane a livello internazionale, l’AHEC tramite la collaborazione in progetti come Infinity, punta a dimostrare il potenziale, la versatilità, l’estetica e l’affidabilità di queste essenze, fonte di ispirazione e di conoscenze per designer, architetti e ingegneri di tutto il mondo.

Così commenta David Venables, direttore europeo dell’AHEC: “Questo progetto prevede l’utilizzo delle ultime tecnologie volte ad aumentare la resistenza del legno di latifoglie. Il mercato inglese del legno di latifoglie trattato termicamente è in espansione, trainato dall’aumento della domanda europea. Siamo lieti di partecipare a questa edizione del London Design Festival per presentare l’enorme potenziale di questo materiale. Le specie di latifoglie americane provenienti da foreste gestite secondo criteri di sostenibilità e trattate termicamente offrono un’alternativa ecologica e di qualità alle latifoglie tropicali d’importazione”.

VALUTAZIONE DELL’IMPATTO DEL CICLO DI VITA
L’American Hardwood Export Council (AHEC) ha di recente annunciato la pubblicazione di una valutazione del ciclo di vita (LCA – Life Cycle Analysis) – conforme agli standard ISO – del segato grezzo di latifoglie americane essiccato in forno. Tale valutazione, redatta dagli esperti di sostenibilità di PE International dopo un intenso lavoro di raccolta dati, analisi e controllo, costituisce la prima fase di un progetto LCA dell’AHEC.

Lo studio copre l’intero ciclo di vita ambientale del legno di latifoglie, dall’abbattimento nelle foreste americane fino alla consegna presso i depositi degli importatori nei principali mercati di esportazione. In base a tali dati, e a quelli raccolti in fase di produzione (ad esempio, il tempo di lavorazione e la quantità di materiale utilizzato), verrà realizzato il profilo ambientale di Infinity Bench tramite un software di ‘i-report’ sviluppato da PE International per l’AHEC. Grazie alle valutazioni LCA sull’intera filiera, i designer sono in grado di comprendere a fondo l’effettivo impatto ambientale delle loro scelte quando utilizzano legno di latifoglie americane.

AHEC - American Hardwood Export Council su Edilportale.com


Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui