Carrello 0
Villa Solaire: la 'casa meridiana' di Jérémie Koempgen e FUGA
CASE & INTERNI

Villa Solaire: la 'casa meridiana' di Jérémie Koempgen e FUGA

di Cecilia Di Marzo

In Alta Savoia un'antica cascina convertita in struttura ricettiva di lusso

18/10/2012 - Il progetto di Villa Solaire, degli studi francesi JKA – Jérémie Koempgen Architecture e FUGA, è frutto della conversione di un'antica cascina dell'Alta Savoia in una struttura ricettiva di lusso. Costruita nel 1826, la Villa Solaire è stata individuata dal Comune come pietra miliare per l'architettura tradizionale.
 
Un rivestimento uniforme avvolge l'intero edificio. Una delle sfide del progetto è stata quella di preservare il suo aspetto, filtrando la luce fin nel cuore della casa. La tecnica tradizionale di intagli decorativi nelle doghe in legno è stata utilizzata per eseguire delle specifiche perforazioni nelle tavole di abete rosso. Il design dei ritagli contemporanei ricordano gli assi sconnessi della stalla tradizionale, utilizzata per l'essiccazione del fieno. Le fessure in facciata portano la luce all'interno dell'edificio. Gli elementi vetrati del progetto, a filo con la parte interna della facciata, sono parzialmente nascosti dalle doghe di rivestimento.
 
Durante tutto l'anno, i tetti e gli edifici circostanti proiettano le loro ombre sulle facciate. Il pattern è progettato per rispondere al percorso descritto da queste ombre: le zone su cui vi è una maggiore incidenza solare sono tutte più aperte e rendono leggibile la continuità degli spazi comuni della casa.
 
Questo incastro interno/esterno è evocativo di uno stile di vita in armonia con l'ambiente circostante e ha indotto i progettisti a denominare il progetto "casa solare": una casa esposta al percorso del sole sulle quattro facciate, percepita come una meridiana.

All'interno, l'idea è quella di passare attraverso la casa tra quattro "blocchi" stabili come rocce, che si trovano ad ogni angolo dell'edificio. Ogni unità indipendente costituisce una suite con zona notte e servizi. Lo spazio residuo tra questi quattro blocchi è occupato da una successione di piani sovrapposti a diversi livelli in un ampio spazio che ospita le aree comuni: cucina, sala da pranzo, salotto, zona camino...Questi quattro blocchi 'segnano' la casa come le cime punteggiano la valle e i vari livelli all'interno sono un richiamo alle linee topografiche.
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Come cambia l’edilizia italiana: la domanda Partecipa