Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Edilportale Digital Forum, al via il primo Summit online della Filiera delle Costruzioni
TECNOLOGIE Edilportale Digital Forum, al via il primo Summit online della Filiera delle Costruzioni
LAVORI PUBBLICI

Sisma Emilia, 13 milioni per il ripristino degli alloggi pubblici

di Paola Mammarella

Recupero di 916 abitazioni in edilizia sociale parzialmente inagibili e inagibili con danni leggeri

Vedi Aggiornamento del 06/03/2013
Commenti 3145
08/10/2012 – In Emilia Romagna ha inizio la ricostruzione e il ripristino degli alloggi pubblici, gestiti dalle Acer, danneggiati dal terremoto.
 
Con l’ordinanza 49/2012, emanata martedì 2 ottobre, la Regione ha messo in campo uno stanziamento di 13,3 milioni di euro, grazie al quale si prevede il recupero di 916 abitazioni.
A queste risorse, da destinare a lavori da iniziare, si sommano poi 1,7 milioni per gli interventi già realizzati.
 
Nel programma di ripristino previsto dall’ordinanza è compreso anche il potenziamento del patrimonio di edilizia residenziale pubblica. I lavori riguarderanno sia gli edifici temporaneamente o parzialmente inagibili, classificati come B e C, sia quelli inagibili con un livello di danno leggero, classificati in E.
 
Le risorse stanziate saranno così ripartite:
- 8 milioni e 783 mila euro per 733 alloggi classificati B e C, di cui 122 in provincia di Bologna, 206 in provincia di Modena, 325 in provincia di Ferrara e 80 in provincia di Reggio Emilia.
- 4 milioni e 578 mila euro saranno destinati al recupero di 183 alloggi con danni leggeri, di cui 42 in provincia di Bologna e 141 in provincia di Modena.
- 1,7 milioni di euro andranno invece a coprire le spese già sostenute per gli interventi realizzati nelle province di Bologna, Modena e Reggio Emilia.

Con l'ordinanza 51/2012, inoltre, sono stati stabiliti i criteri e le modalità di assegnazione di contributi per la riparazione e il ripristino con miglioramento sismico ed energetico di edifici e unità immobiliari dichiarati inagibili con classificazione E, cioè con danni significativi ma non eccessivamente gravi.
Il contributo è pari all’80% del costo ammissibile e riconosciuto. Il costo ammissibile a contributo è pari al minore importo tra: il costo dell’intervento (come risulta dal computo metrico-estimativo redatto sulla base del prezzario regionale al lordo delle spese tecniche e dell’Iva se non recuperabile e l'importo ottenuto moltiplicando il costo convenzionale di 800 euro/mq più Iva (se non recuperabile) per la superficie complessiva dell’unità immobiliare fino a 120 metri quadrati.
Per le superfici eccedenti 120 mq e fino a 200 mq, il costo convenzionale si riduce a 450 euro a mq.
Le domande devono essere presentate fino al 30 marzo al sindaco del Comune in cui si trova l'immobile.

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui