Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Ministro Brunetta: la PA recluterà figure tecniche anche con l’aiuto degli Ordini
PROFESSIONE Ministro Brunetta: la PA recluterà figure tecniche anche con l’aiuto degli Ordini
NORMATIVA

Imu, le dichiarazioni slittano al 30 novembre

di Paola Mammarella

Approvato in CdM il decreto che concede più tempo per rendere note le dichiarazioni rilevanti

Vedi Aggiornamento del 02/01/2013
Commenti 7801
09/10/2012 – È passata in Consiglio dei Ministri la proroga per le scadenze Imu. Come sollecitato dal Ministero dell’Economia e delle Finanze, è stato spostato al 30 novembre il termine per le dichiarazioni sulle variazioni rilevanti.

La novità, contenuta dalla bozza di decreto sugli Enti locali, concede quindi più tempo ai proprietari che dal primo gennaio 2012 hanno visto cambiare i requisiti dei propri immobili e che, per la corretta quantificazione dell’imposta municipale unica, devono inviare una comunicazione all’Agenzia delle Entrate.

La dichiarazione Imu è stata prevista dal D.lgs. 23/2011sul federalismo fiscale, che ha introdotto per la prima volta l’imposta municipale unica, ed è necessaria se la situazione dell’immobile o del contribuente è cambiata in modo tale da determinare variazioni nell’importo dell’imposta.

La dichiarazione serve infatti per avere diritto alle agevolazioni e per segnalare variazioni che non possono essere acquisite tramite la banca dati catastale. Possono rientrare in questa casistica gli immobili che perdono l’agevolazione, perché ad esempio non sono più prima casa o diventano fatiscenti, o la situazione dei coniugi che fissano la propria residenza in abitazioni diverse.

Secondo il D.lgs 23/2011, la dichiarazione deve essere presentata entro 90 giorni dall’inizio del possesso dell’immobile o dal verificarsi delle variazioni rilevanti. In fase di prima applicazione dell’Imu, per il 2012 era stato però deciso di fissare la scadenza al 30 settembre.

Le altre scadenze
Scade invece il 31 ottobre il termine a disposizione dei Comuni per modificare le aliquote e le detrazioni Imu contestualmente all’approvazione del bilancio di previsione.

Le scelte dei Comuni si ripercuoteranno sull’ultima rata dell’imposta, che dovrà essere pagata entro il 17 dicembre.


Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Superbonus 110%, come sta andando e cosa ci aspetta? Leggi i risultati