Carrello 0
FINANZIAMENTI

Sicilia, oltre 17 milioni per la riqualificazione delle città

di Giovanni Carbone
Commenti 8437

Sbloccati i fondi previsti dal Piano Nazionale di Edilizia Abitativa, domande entro il 16 marzo 2013

Vedi Aggiornamento del 31/10/2013
Commenti 8437
29/11/2012- È di oltre 17 milioni di euro la dotazione finanziaria del bando pubblico per i programmi integrati per il recupero e la riqualificazione delle città che la Regione Sicilia ha approvato con il decreto 2963/2012, pubblicato sulla Gazzetta ufficiale regionale 49/2012.
 
Il bando è finalizzato all’accesso ai contributi previsti dal Piano Nazionale di Edilizia Abitativa (DPCM 16/07/2009): 8.561.070 euro era la quota che spettava alla Sicilia, i restanti 8.650.916, invece, sono di provenienza regionale ed incentivano, in particolare, i programmi di edilizia sociale agevolata di cui all’art. 3  della LR 1/2012 (in materia di riqualificazione urbanistica con interventi di edilizia sociale convenzionata).
 
L’attuazione dei programmi integrati prevede, obbligatoriamente, il concorso di risorse pubbliche e private per interventi di edilizia abitativa e interventi di riqualificazione. In particolare per:
 
- interventi a carattere edilizio (incremento del numero di alloggi a canone sostenibile da immettere sul mercato e da locare alle categorie sociali “svantaggiate” previste dall’art. 11 della L 133/2008);

- opere di urbanizzazione primaria e secondaria in grado di eliminare e/o attenuare il fabbisogno di servizi, anche di tipo aggregativo, per categorie sociali svantaggiate;

- interventi conservativi e/o di recupero del patrimonio edilizio e di pregio architettonico, mediante eventuale rifunzionalizzazione delle strutture da destinare a uso collettivo;

- interventi infrastrutturali, in particolare per la viabilità necessaria alla accessibilità alle aree a traffico limitato, strade a servizio della residenza, percorsi protetti ciclo-pedonali, riduzione delle barriere architettoniche;

- interventi a carattere economico, mirati alla rivitalizzazione economico-produttiva dell’area e all’insediamento di nuove attività artigianali, commerciali, culturali, turistico ricettive finalizzate allo sviluppo locale integrato, se conformi agli strumenti urbanistici, iniziative tutte in grado di creare nuovi posti di lavoro.
 
Per partecipare, i Comuni interessati devono presentare istanza al Dipartimento delle Infrastrutture e della Mobilità e dei Trasporti, allegando la documentazione prevista dal bando.
 
Il contributo pubblico, richiesto dai Comuni proponenti, non potrà essere superiore a 1.700.000 euro per quelli con popolazione fino a 15.000 abitanti, 3.500.000 di euro per quelli con popolazione compresa tra 15.000 e 30.000 abitanti, 5.000.000 di euro per i Comuni oltre tale limite.
 
La data di scadenza per la presentazione delle domande è il 16 marzo 2013.
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Lucernari e cupole per illuminare dall'alto, quali usi nei tuoi progetti? Partecipa