Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Nuovo Testo Unico Edilizia, passi avanti per la proposta di legge
NORMATIVA Nuovo Testo Unico Edilizia, passi avanti per la proposta di legge
PROFESSIONE

Architetti e ingegneri: gli junior contro i nuovi Consigli di disciplina

di Rossella Calabrese

I laureati triennali contestano il Regolamento messo a punto dagli Ordini tecnici

Vedi Aggiornamento del 02/03/2016
Commenti 8264
15/11/2012 - Si va definendo la normativa per la costituzione dei Consigli di disciplina provinciali degli Ordini degli architetti e degli ingegneri.
 
Si tratta dei Regolamenti che i Consigli nazionali di tutte le professioni devono redigere in attuazione dell’articolo 8, comma 3, del Dpr 137 del 7 agosto 2012 per la riforma degli ordinamenti professionali, che affida la funzione disciplinare ai Consigli di disciplina, i nuovi organi disciplinari degli Ordini.
 
Un primo testo, diffuso qualche settimana fa, è quello elaborato dal PAT, l’organizzazione che raggruppa le Professioni dell’Area Tecnica, tra cui ingegneri, geometri, geologi, dottori agronomi e forestali, periti industriali (leggi tutto).
 
Il Regolamento del PAT, tra le diverse disposizioni, prevede che, ove l’Albo sia suddiviso in due sezioni, il numero dei componenti della sezione B dell’Albo debba essere pari a quello presente nel corrispondente Consiglio territoriale dell’Ordine/Collegio. I giudizi disciplinari riguardanti uno o più soggetti iscritti alla Sezione B dell’albo saranno assegnati d’ufficio al Collegio giudicante nel quale figuri almeno un consigliere proveniente dalla Sezione B dell’Albo.

Contro tale previsione si sono espressi i sindacati degli ingegneri e architetti iscritti alla sezione B.
 
Secondo CUP3 (Coordinamento Universitari e Professionisti Triennali) e SIND.IN.AR.3 (Sindacato Nazionale Ingegneri iuniores e Architetti iuniores), quello del PAT è un buon testo “che ha in se le basi per tutelare gli iscritti alla sezione B dei due Albi di nostro interesse anche se non esaustivo” ma che rischia di penalizzare gli ingegneri e gli architetti iuniores perché, dal momento che i consiglieri provenienti dalla sezione B sono ad oggi solo in numero di 1, in proporzione agli iscritti della sezione, il Collegio di disciplina sarà formato da due Consiglieri provenienti dalla Sezione A ed uno dalla Sezione B.
 
“Cosa potrà mai avvenire - si chiedono gli junior - e quale pensiero prevarrà (dato il rapporto di 2 a 1) quando si tratterà di giudicare un iscritto alla Sezione B, che avrà progettato e/o diretto una piccola opera in cemento armato: si valutera il suo comportamento dal punto di vista della correttezza ecc. ecc. come per un iscritto alla sezione A, oppure saranno prevenuti in quanto "lui", lo "iunior", "non è competente in materia" secondo i molti preconcetti oggi diffusi?”.
 
Quindi, per CUP3 e SIND.IN.AR.3, il testo del PAT non dà garanzie sul rispetto del principio secondo cui “nell’ipotesi di procedimento disciplinare, i relativi provvedimenti vengono adottati esclusivamente dai componenti appartenenti alla sezione cui appartiene il professionista assoggettato al procedimento” previsto dall'art. 4 comma 2 del DPR 328/2001 e non modificato dal DPR 137/2012. “Se venisse meno detto principio - afferma il SIND.IN.AR.3 - ci troveremmo con l’utilizzo improprio della deontologia, usata come grimaldello e/o deterrente per l’esercizio della professione in forma autonoma da parte di ingegneri iuniores e architetti iuniores”.

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
Emanuele

Solite pagliacciate... basterebbe definire le competenze professionali in modo chiaro e preciso e non ci sarebbero preconcetti. Il problema è come limitare (e perche) l'azione di un ingegnere junior quando un semplice diplomato come un geometra svolge lavori analoghi? Hanno creato un percorso di laurea triennale che sovrappone a quello delle lauree specialistiche per aumentare il numero dei laureati e ora ci godiamo questo casino. Sarebbe bastato creare corsi più specializzati con competenze diverse da quelle delle lauree specialistiche in modo che gli junior non esercitassero nel campo dei senior e viceversa! E chiaramente che i geometri non esercitassero nel campo di entrambi!


x Sondaggi Edilportale
Superbonus 110%, come sta andando e cosa ci aspetta? Leggi i risultati