Add Impression
Network
Pubblica i tuoi prodotti
La ricerca Moretti Interholz sul mercato mondiale del legno lamellare

La ricerca Moretti Interholz sul mercato mondiale del legno lamellare

03/12/2012 - Moretti Interholz, grazie alla lunga esperienza e alla comprovata professionalità, esprime la propria capacità di offrire progetti unici attraverso una metodologia di lavoro completa e flessibile, in grado di adattarsi alle necessità sempre nuove di ogni committenza. Dal continuo scambio con i partner, i clienti, i collaboratori e le altre realtà del Gruppo, in particolare con Moretti Prefabbricati, i professionisti di Moretti Interholz affinano ogni giorno la propria vasta offerta di soluzioni e servizi dedicati all’arte del costruire utilizzando al meglio la costante innovazione tecnologica del legno lamellare nell’edilizia.

In occasione dell’ultima edizione di MADEexpo, presso lo Stand Moretti Interholz - Padiglione InstantHouse Social Club, primo premio InstantHouse 2011, è stata presentata la ricerca "Il mercato mondiale del legno lamellare" a cura del Prof. Fabio Sdogati, Ordinario di Economia Internazionale presso il Politecnico Milano.

Commissionata da Moretti Interholz, che fa parte di Moretti Spa leader nel settore dell’edilizia industrializzata, la ricerca che aveva come obiettivo l’identificazione dei principali paesi esportatori e importatori e la specificazione di un modello per la determinazione della domanda di legno lamellare. Obiettivo ultimo offrire all’azienda gli strumenti per attuare valide strategie per competere nel mondo e continuare a crescere in Italia.

Ricerca che ha evidenziato i dati seguenti:
- le esportazioni di legno lamellare (i dati comprendono costruzioni prefabbricate, prevalentemente in legno, ma anche lavori di falegnameria e lavori di carpenteria) sono cresciute significativamente dal 1990 ad oggi, con un mercato mondiale che è diventato 7-8 volte più grande in 22 anni, anche se la crisi economica ha diminuito consistentemente il valore del commercio internazionale di legno lamellare, che non è ancora ritornato ai livelli pre-2008.

- l’Europa ha una domanda di mercato quasi del tutto soddisfatta internamente (solo il 15% dei importazioni sono extra-EU), mentre esporta principalmente in Africa, in Asia e nel Centro America. Le due Americhe hanno rapporti prevalentemente bilaterali. Le esportazioni dell’Asia invece si concentrano verso la Russia, l’Australia e l’Africa. Per le dimensioni del commercio, l’Europa è sicuramente l’area più importante, seguita da Asia, Nord America ed ex URSS.

- per quanto riguarda il settore in particolare delle costruzioni prefabbricate in legno, il maggior paese esportatore nel 2010 è la Cina, unico paese asiatico presente in classifica e che ha saputo accrescere le sue esportazioni nel tempo in modo davvero significativo. A seguire, vi sono molti paesi ad alto reddito pro-capite, tra cui i più grandi esportatori sono Stati Uniti, Italia e Germania.

- a seguito della crisi economica iniziata nel 2007, i volumi di esportazione sono diminuiti più sensibilmente per le costruzioni prefabbricate, rispetto ai lavori di falegnameria e carpenteria. Infine, i paesi asiatici hanno vissuto una ripresa delle esportazioni molto più marcata rispetto alle economie ad alto reddito pro capite.

- eccetto Germania, Francia, Regno Unito e Arabia Saudita, tutti i maggiori 20 esportatori del 2010 sembrano detenere un vantaggio comparato nella produzione e commercializzazione di legno lamellare. In particolare, l’indice presenta valori molto elevati per cinque paesi (Repubblica Ceca, Estonia, Finlandia, Slovenia, e Israele), tutti relativamente piccoli.

- per individuare i paesi importatori di interesse, si è proceduto ad una segmentazione del mercato e ad una analisi del posizionamento dei paesi stessi: a parità di tutto il resto, i Paesi che importano per valori maggiori risultano essere i più interessanti per la strategia di Moretti Interholz (sembra lecito supporre che un paese con importazioni in crescita negli ultimi 11 anni sia più interessante di uno le cui importazioni sono in declino). Un mercato di destinazione che ha raggiunto la saturazione, cioè le sue importazioni sono in fase di rallentamento, potrebbe non essere interessante per Moretti Interholz.

Tra le possibili variabili che possano influenzare la domanda di importazioni di legno lamellare, in primo luogo vi è sicuramente la variabile Pil pro capite. Altre variabili indipendenti possono essere: la spesa pubblica, le strade per 100 abitanti, la popolazione totale e urbana, le precipitazioni medie annuali, e i dazi.

Infatti, il legno lamellare viene utilizzato per la costruzione di ponti, coperture e palestre sportive, per cui, a parità di tutte le altre condizioni, la domanda di legno lamellare potrebbe essere determinata dalla necessità di costruire infrastrutture, nei centri urbani più popolati, dove le condizioni climatiche favoriscono la pratica di attività indoor. Inoltre, dazi e tariffe doganali possono limitare l’importazione. Infine, a parità di tutto il resto, paesi più grandi o popolati tenderanno ad importare maggiormente i prodotti in legno lamellare.
 

MORETTI INTERHOLZ su Edilportale.com
Add Impression Add Impression
Imposta la nazione di spedizione

La scelta della nazione consente la corretta visualizzazione dei prezzi e dei costi di spedizione