Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Edilportale Digital Forum, la seconda giornata della fiera virtuale dell’edilizia
TECNOLOGIE Edilportale Digital Forum, la seconda giornata della fiera virtuale dell’edilizia
NORMATIVA

Condono edilizio per il post sisma, insorgono gli ambientalisti

di Paola Mammarella

Un emendamento al ddl Stabilità propone di riaprire i termini della sanatoria edilizia del 2003, Legambiente: 17 tentativi dal 2010

Vedi Aggiornamento del 05/06/2013
Commenti 12329
13/12/2012 – Riaprire i termini del condono edilizio del 2003. E' il contenuto di un emendamento al disegno di legge stabilità presentato dal senatore PdL Carlo Giovanardi, che ha giustificato la sua iniziativa con il reperimento di fondi per la ricostruzione dell’Emilia Romagna.

Secondo Giovanardi, dalle sanatorie edilizie si potrebbero ricavare circa 3 miliardi di euro. Le risorse verrebbero devolute alle popolazioni terremotate dell’Emilia Romagna e della Lombardia, superando “i farraginosi adempimenti burocratici che rendono problematica la ricostruzione e rischiano di affossare una economia locale che produceva quasi il 2% del Pil italiano”.
 
Come già accaduto in casi analoghi, la proposta ha inevitabilmente sollevato un’ondata di polemiche da parte di altri parlamentari e delle associazioni ambientaliste.
 
Per il deputato del Pd e ambientalista Ermete Realacci, il tentativo del PdL di riaprire i termini del condono è “senza vergogna”. “L’emendamento di Giovanardi - ha dichiarato Realacci - riprende fedelmente i contenuti pro sanatoria edilizia del ddl presentato lo scorso ottobre dal parlamentare PdL Nitto Palma” (leggi tutto). Realacci ha inoltre sottolineato che “il testo Giovanardi estende la possibilità di condono anche alle violazioni dei beni ambientali e paesaggistici. Un favore all’illegalità e all’ecomafia”.
 
A giudicare l’emendamento “ridicolo quanto preoccupante” in un contesto che paga ogni anno un pesante tributo in termini di dissesto idrogeologico, ci pensa invece Legambiente. Il presidente dell’associazione, Vittorio Cogliati Dezza ha ricordato come, a partire dal 2010, la proposta di integrazione al ddl stabilità rappresenti il diciassettesimo tentativo di riapertura dei termini per la presentazione delle domande di sanatoria degli abusi edilizi.
 
Critiche alle quali, come si apprende da fonti di agenzia, i senatori PdL eletti in Campania avrebbero risposto lamentando una sorta di disparità di trattamento. A loro avviso gli esponenti del mondo ambientalista non avrebbero opposto resistenza all’articolo 3 del DL 74/2012, che per consentire il superamento delle difficoltà post sisma in Emilia Romagna ammetterebbe “la ricostruzione di immobili abusivi con contributi pubblici'”. Allo stesso tempo, i senatori sottolineano che durante la conversione in legge del DL 174/2012, contenente misure a sostegno della ricostruzione in Emilia Romagna, non sarebbe stata chiesta l’abrogazione della sanatoria precedentemente introdotta.
 
A parte l’acceso confronto sul tema, non è detto che ci sia effettivamente il tempo per discutere le proposte emendative al ddl stabilità. Data la crisi di Governo in atto, l’approvazione del disegno di legge dovrebbe avvenire al massimo entro il 21 dicembre, in modo da consentire lo scioglimento delle Camere prima di Natale. Meno di due settimane potrebbero quindi non essere sufficienti alla valutazione degli oltre millecinquecento emendamenti presentati.

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
joclaudio

al pari dei nazisti che eliminavano chi non era o la pensava come loro, che gli ambientalisti si comportano allo stesso modo. pur di vedere piazza pulità demolirebbero tutte le case con dentro ovviamente coloro che HANNO ABUSATO. a questo punto vorrei tanto chiedere, a questi ignoranti della geografia, cosa aspettate a mibilitarvi a livello mondiale per abbattere la cementificazione di: Cancun che ha circa 120 Hotel su una lingua di spiaggia ( fa niente se ci campano migliaia, MIGLIAIA di famiglie) Miami. Hon Kong eccccc . Con quale criterio si stabilisce dice che la struttura, casa o palazzo o grattacielo che sia, "deturpa" e non VALORIZZA l'ambiente? il progresso lo hanno mai sentito nominare gli " ambientalisti"? se proprio sostengono le idiozie che raccontano perchè non vanno a vivere in una bella tenda nel bosco? ....oppure fanno gli "ambientalisti" per avere uno stipendio ?( che è quello che credo). perchè non sono intervenuti per ostacolare la realizzazione di decine di aeroporti inutili... perchè non si fanno i ca..i loro?

thumb profile
Matley

Quello che mi fa più rabbia è che il "reato" edilizio per piccoli abusi si prescrive in 5 anni, dopodiché, visto la compiacenza degli uffici comunali anche a seguito di denuncia, il costruttore non verrà costretto a rimediare e l’ignaro acquirente vivrà in una casa, pagata profumatamente, che ha subito modifiche strutturali (es. mansarda abusiva) non autorizzate e quindi con il rischio di crolli alla prima scossa di terremoto. E’ risaputo che il sisma in sé non uccide…le case uccidono. Per questo troverei corretto la ricostruzione di immobili abusivi con i soldi dei "funzionari" pubblici.

thumb profile
Antonio

Ma in un Paeae così "democratico" come l'italia come mai questi c..o di ambientalisti ,che sono una minoranza, la devono sempre avere vinta. Vorrei sapere quanti di loro abitano nelle capanne o nelle grotte dal momento che sono ambientalisti. Nel mio paese (Sapri) ogni tanto giunge qualche turista ambientalista che lamenta la "cementificazione selvaggia" però dimenticandosi di avere la casa (la seconda) al centro del Paese e a pochi passi dal mare .