Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Bonus mobili 2022, occhio alla classe energetica
NORMATIVA Bonus mobili 2022, occhio alla classe energetica
NORMATIVA

In vigore da giugno la riforma del condominio

di Paola Mammarella

Ok a cambi di destinazione d'uso e installazione di impianti per il risparmio energetico

Vedi Aggiornamento del 07/10/2014
19/12/2012 – Cambi di destinazione d’uso delle parti comuni degli edifici e interventi per l’innovazione ed il risparmio energetico. Entra in vigore il prossimo 18 giugno la riforma del condominio, contenuta nella Legge 220/2012 pubblicata in Gazzetta Ufficiale.
 
Cambi d’uso nelle aree comuni
L’assemblea può modificare la destinazione d'uso delle parti comuni per soddisfare esigenze di interesse condominiale. Perché la decisione sia considerata valida, è necessario un numero di voti che rappresenti i quattro quinti dei partecipanti al condominio e i quattro quinti del valore dell'edificio.
 
La convocazione dell'assemblea deve essere affissa almeno per 30 giorni consecutivi nei locali di maggior uso comune e deve indicare le parti comuni oggetto della modificazione e la nuova destinazione d'uso proposta.
 
Sono vietati i cambi d’uso che possono pregiudicare la stabilità, la sicurezza o il decoro architettonico dell’edificio.
 
Risparmio energetico
I condomini possono deliberare la realizzazione di interventi per la riduzione dei consumi energetici dell’edificio e la produzione di energia attraverso impianti di cogenerazione e fonti rinnovabili. Le decisioni sono valide se rappresentano la maggioranza degli intervenuti all’assemblea e almeno la metà del valore dell’edificio.
 
A questo scopo, è consentita l'installazione di impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili, destinati al servizio di singole unità del condominio, sul lastrico solare, su altre superfici comuni idonee e sulle parti di proprietà individuale dell'interessato.
 
Nel caso in cui si rendano necessarie delle modifiche alle parti comuni, l’interessato comunica all’amministratore il contenuto e la modalità di esecuzione degli interventi. L’assemblea può inoltre imporre modalità alternative o particolari cautele cui attenersi durante la realizzazione e ripartisce l'uso del lastrico solare e delle altre superfici comuni attenendosi alle forme di utilizzo previste dal regolamento.
 
Innovazione
L’assemblea, con un numero di voti che rappresenti la maggioranza degli intervenuti all’assemblea e almeno la metà del valore dell’edificio, decide in merito agli interventi per la rimozione delle barriere architettoniche e la realizzazione di parcheggi.
 
Se l’assemblea lo richiede, l’amministratore deve inoltre attivare a spese dei condomini un sito internet del condominio su cui consultare ed estrarre copie digitali delle delibere.

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
ignazio piras

uno che ha un magazeno o negizio deve pagare tutti i mesi ilcondominio, o deve pagare solo i lavori traordinari, e quali sono le voci che deve pagare.grazie attendo risposta


Imposta la nazione di spedizione

La scelta della nazione consente la corretta visualizzazione dei prezzi e dei costi di spedizione