Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Regolamento edilizio tipo, cosa c’è da sapere per il calcolo delle volumetrie
NORMATIVA Regolamento edilizio tipo, cosa c’è da sapere per il calcolo delle volumetrie
RISPARMIO ENERGETICO

Geotermia a bassa entalpia, un impianto prototipo a Ferrara

di Giovanni Carbone

La Provincia emiliana beneficia dei finanziamenti europei del progetto Legend

Vedi Aggiornamento del 27/04/2016
Commenti 3990

14/12/2012 - Geotermia a bassa entalpia: è questo il principio generatore di due progetti energetici d’avanguardia che vedono coinvolta la Provincia di Ferrara.
 
I due progetti si chiamano Geopower e Legend (acronimo di Low Enthalpy Geothermal Energy Demonstration cases for Energy Efficient building in Adriatic area) e perseguono fini strategici di riduzione delle emissioni, minore impatto ambientale e impiego di fonti rinnovabili, in linea con gli obiettivi energetici europei.
 
Ferrara è uno dei beneficiari del progetto Legend che, come spiega l’assessore provinciale Davide Bellotti, “prevede la realizzazione di dieci interventi pilota, principalmente in scuole, e coinvolge più paesi come Montenegro, Croazia, Bosnia, Albania, oltre alla Regione Puglia e alla città di Teramo”.
 
La Provincia è beneficiaria di 460 mila euro da impiegare, in una scuola, nella costruzione di un impianto energetico provando a ricavare energia a impatto zero sfruttando il differenziale di temperatura tra il sottosuolo e la superficie del terreno.
 
Con questa innovativa soluzione tecnologica, dunque, l’impianto potrà produrre calore o aria condizionata, a seconda delle esigenze, sfruttando il lavoro di sonde e pompe scambiatrici di calore.
 
“Stando in prima fila rispetto a questa progettualità europea - dice Stefania Leoni, referente per l’Emilia-Romagna dei progetti di cooperazione territoriale europea -  Ferrara è destinata ad accrescere il proprio know how in settori sempre più chiave come l’ambiente, le energie rinnovabili, blu economy e tutto ciò che ha a che fare con il concetto della sostenibilità del nostro modello economico”.

In materia di efficienza energetica nel settore dell’edilizia, si ricorda la recente entrata in vigore della Direttiva 2012/27/UE, la quale stabilisce che dal 1° gennaio 2014, ogni anno, il 3% della superficie degli edifici pubblici dovrà essere riqualificata.
 


Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui