Carrello 0
AMBIENTE

‘Bandi di idee’ per selezionare progetti da tutto il mondo

I primi bandi attivi da oggi interesseranno Reggio Calabria, il Sulcis e Pompei

Vedi Aggiornamento del 14/10/2013
28/01/2013 - Puntare su un nuovo metodo per raccogliere i migliori progetti per il rilancio dei territori. È questo l’obiettivo di “Bandi di idee”, l’iniziativa presentata il 25 gennaio scorso dal Ministro per la Coesione territoriale, Fabrizio Barca, dall’Amministratore Delegato di Invitalia, Domenico Arcuri, e dal Capo del Dipartimento per lo Sviluppo e la Coesione Economica, Sabina De Luca, e che vede il coinvolgimento di altre Amministrazioni centrali e locali.
 
Si tratta di una formula innovativa per raccogliere e selezionare idee programmatiche dall’intera comunità internazionale,destinate alla valorizzazione e allo sviluppo di alcuni “luoghi” o aree significative del Paese, partendo dalle priorità, dagli spunti e dalla sensibilità dei territori stessi. Non più, quindi, modelli “calati dall’alto” o “provenienti dal basso”, secondo le logiche tradizionali, ma idee che stimolino inventiva e competenze, salvaguardando l’ambiente e la sostenibilità economica, occupazionale e turistica.

I migliori progetti saranno selezionati mediante bandi di idee internazionali aperti a chiunque voglia proporre un’iniziativa originale e realizzabile che, in coerenza con le caratteristiche e le esigenze di un determinato luogo, sia in grado di innovarne il sistema sociale, economico e culturale. A seguito dell’individuazione delle migliori idee pervenute, verrà realizzata una co-progettazione affidata a Invitalia sulla base della quale investire, poi, fondi pubblici. Un circuito virtuoso, quindi, che tenga insieme “locale” e “globale”.
 
Per mettere in pratica questa strategia d’intervento e sollecitare il “mercato delle idee”, è stato realizzato il sito internet www.99ideas.it, attivo per le “preliminary call” a partire da oggi 28 gennaio 2013. I primi bandi interesseranno i territori di Reggio Calabria, del Sulcis e di Pompei.
 
Ai concorsi potranno partecipare cittadini, professionisti, studiosi, associazioni, imprese, comitati, fondazioni, università e organizzazioni. Le proposte presentate saranno selezionate da Commissioni composte dalle Amministrazioni promotrici coadiuvate da esperti e confluiranno in un Piano Generale di interventi che rappresenterà uno strumento di programmazione ed attuazione sui singoli territori.
 
Gli abstract saranno pubblicati online per favorire la “contaminazione” tra le idee e consentire a tutti di esprimere, mediante un voto, l’apprezzamento delle stesse a chiusura del concorso.


Fonte: Ministero per la Coesione territoriale
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
BIM: professionisti italiani, siete pronti? Leggi i risultati