Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Equo compenso, professionisti molto critici sul ddl Meloni
PROFESSIONE Equo compenso, professionisti molto critici sul ddl Meloni
AZIENDE

Green economy ed energie rinnovabili: le proposte di Power One

Commenti 1361
31/01/2013 - "Mentre il resto del mondo, compreso il presidente degli Sati Uniti Barack Obama, si accinge a finanziare le imprese che investono nelle energie rinnovabili, in Italia la green economy rischia una forte battuta di arresto con chiusura di aziende ed una consistente conseguente perdita di posti di lavoro. Tra ingegneri tecnici e operai oltre 6 mila lavoratori sono a rischio. Il nuovo taglio degli incentivi voluto dal Governo Monti avrebbe fatto calare il fatturato del 2012 fino a 11 miliardi di euro contro i 21 miliardi del 2010."

"La situazione – spiega Averaldo Farri, consigliere delegato di Power-One azienda toscana seconda produttrice mondiale nel settore degli inverter fotovoltaici - delle aziende che operano nel mercato fotovoltaico è peggiore. Non si capisce perché il Ministero dello Sviluppo Economico sia così insensibile e sordo ad ogni nostro appello. Basterebbero poche, semplici, misure per dare continuità al settore."

"Di soluzioni ce ne sono – continua Averaldo Farri - Si è scelto di far passare un “Salva Alcoa 2” a beneficio delle pubbliche amministrazioni, ma a danno delle aziende produttrici, si potrebbe rimediare con una piccola aggiunta di fondi al Conto Energia (ben gestiti ne bastano pochi per riprendere l’accompagnamento alla grid parity). Ma non solo. Si potrebbe innalzare ad almeno 200 kWp la soglia del registro o, meglio ancora eliminarlo del tutto. Si potrebbe semplificare le pratiche autorizzative e di connessione degli impianti fotovoltaici (in particolare residenziali e industriali). Infine si potrebbe attuare la detrazione dall’IRPEF del 50% del costo degli impianti fotovoltaici fino a fine anno (di cui si aspetta conferma della validità da diversi mesi)."

"Le aziende del settore si aspettano una risposta e, soprattutto, si aspettano la lealtà promessa più e più volte per la quale il settore sarebbe stato rimesso in ordine e non abbattuto. Gli imprenditori green chiedono una politica industriale che tenga conto di questi problemi  e rimangono a disposizione per collaborare all’unico interesse da difendere: sostenere le aziende e favorire l’occupazione in Italia."

Power-one su Edilportale.com

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui