Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Edilportale Digital Forum, la quinta giornata della fiera virtuale dell’edilizia
TECNOLOGIE Edilportale Digital Forum, la quinta giornata della fiera virtuale dell’edilizia
FINANZIAMENTI

Disponibili 6 miliardi di euro per ricostruire in Emilia-Romagna

di Giovanni Carbone

Già inoltrate 900 richieste per 3 mila abitazioni, oltre 400 dalle imprese

Vedi Aggiornamento del 22/04/2013
Commenti 3055
11/01/2013 - In Emilia-Romagna, via libera ai finanziamenti bancari per la ricostruzione post-sisma; da oggi sono disponibili 6 miliardi di euro.

Le banche possono concedere contributi pubblici fino all’80% delle spese relative agli interventi di riparazione, ripristino e ricostruzione degli immobili ad uso residenziale o produttivo, danneggiati dal terremoto dello scorso maggio (leggi tutto).

“È nostra intenzione e nostro interesse – ha evidenziato Luca Lorenzi di ABI Emilia-Romagna- aiutare nella ripresa le famiglie e le imprese dei territori colpiti dal sisma. Le banche non faranno mancare il loro contributo fattivo alla sistemazione dei danni provocati dal terremoto”.

L’assessore regionale alle Attività produttive, Gian Carlo Muzzarelli ha commentato: “positiva è la disponibilità del sistema bancario a trovare soluzioni per finanziare anche la quota del 20% non coperta dal contributo pubblico”. “Su questo tema – ha proseguito Muzzarelli - la Regione sta facendo valutazioni di compatibilità per aiutare i soggetti più deboli a sostenere la totalità dell'intervento”.
 
I professionisti incaricati dai cittadini possono gestire le pratiche edilizie relative agli interventi e la richiesta di contributo per i lavori attraverso il Mude (Modello unico digitale per l'edilizia).
 
Sono oltre 900, invece, le procedure di contributo avviate attraverso il Mude e riguardano circa 3 mila abitazioni con danni di tipo B, C ed E leggere.

Riguardo alle imprese, è possibile presentare le domande fino al 15 maggio 2013 attraverso il sistema elettronico Sfinge (leggi tutto); ad oggi, le domande inoltrate sono circa 400.
 


Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui