Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Superbonus, dubbi su impianti termici e manutenzioni nelle unità immobiliari
RISTRUTTURAZIONE Superbonus, dubbi su impianti termici e manutenzioni nelle unità immobiliari
MERCATI

Federlegno presenta la Due Diligence

Commercianti di legno e prodotti derivati: come rispettare il Regolamento UE N. 995/2010

Vedi Aggiornamento del 23/01/2014
Commenti 4082
23/01/2012 -Federlegno Arredo offre un nuovo servizio per aiutare i suoi soci, alla luce di un passaggio normativo che prevede nuovi obblighi per i produttori e i distributori. Il 3 marzo 2013 entrerà infatti in vigore il regolamento UE n°995 del 20 ottobre 2010, meglio noto come Due Diligence (“giusta diligenza”).

Con la Due Diligence, una delle misure contenute nel piano di azione Flegt Ue 2003 in applicazione delle normative, governance e commercio nel settore forestale, vengono stabiliti una serie di obblighi da parte degli operatori che commercializzano e distribuiscono legno e prodotti da esso derivati, con lo scopo di contrastare l'illegalità. Per legno illegale si intende la raccolta, il trasporto, l'acquisto e la vendita di materiale legnoso effettuate nel mancato rispetto delle leggi nazionali o internazionali in materia. In particolare l'origine illegale di legname è il risultato di utilizzazioni che avvengono in violazione delle leggi e delle norme forestali e doganali vigenti nel Paese di produzione: un problema globale che determina conseguenze negative sull'economia, l'ambiente e la società.

Il regolamento contrasta il commercio di legnami e prodotti tagliati abusivamente attraverso tre obblighi principali. Sarà vietata l'immissione sul mercato UE di legname tagliato abusivamente, e dei prodotti da essi derivati. Gli operatori che immetteranno per la prima volta sul mercato UE prodotti del legno, saranno obbligato ad osservare la “Due Diligence”.Inoltre, una volta immessi sul mercato, il legname e i prodotti derivati potranno essere venduti e/o trasformati prima di arrivare al consumatore finale. In questa fase della filiera, al fine di garantire la tracciabilità dei materiali legnosi, gli operatori economici (che nel Regolamento sono designati come “commercianti”) avranno l'obbligo di tenere un registro con il nome dei propri fornitori e clienti. La «Dovuta Diligenza» delle imprese italiane è già in corso: questa potrà diventare un'opportunità di miglioramento e un vantaggio competitivo per tutti quei soggetti che, per tempo, implementeranno un sistema di «Due Diligence» non come un «atto dovuto» ma come scelta strategica imprenditoriale.

Federlegno Arredo si è attivata sin dal 2010 (anno di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della UE) per aiutare le aziende a farsi trovare pronte il giorno dell'entrata in vigore del regolamento. Inoltre, per favorire questo importante passaggio, l'Area Legno di FederlegnoArredo ha creato un'apposita task force tecnica che sta monitorando attentamente la norma, fornendo contestualmente adeguato supporto tecnico alle aziende associate Le associazioni potranno indirizzare le aziende coinvolte dal provvedimento alla Federazione, che fornirà le risposte necessarie. Inoltre la Federazione è disponibile ad incontri di tipo informativo sul territorio.
http://www.federlegno.it/tool/home.php?s=0,1,29,40,6589,6751


Fonte: FederlegnoArredo

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui