Carrello 0
NORMATIVA

Dichiarazione Imu, per il no profit non vale il limite del 4 febbraio

di Paola Mammarella
Commenti 5481

Min.Economia: necessario un modello ad hoc, ancora da approvare, che indicherà le scadenze

Vedi Aggiornamento del 11/03/2013
Commenti 5481
16/01/2012 –Enti non commerciali e Chiesa non devono presentare la dichiarazione per variazioni rilevanti entro il 4 febbraio. Lo chiarisce la Risoluzione 1/DF che il Dipartimento delle Finanze ha diffuso nei giorni scorsi.
 
Il Ministero dell’Economia ha precisato che la Legge 214/2011, Manovra Salva Italia, che ha anticipato al 2012 l’entrata in vigore dell’Imu, prevede che la dichiarazione per variazioni rilevanti sia presentata entro 90 giorni dalla data in cui inizia il possesso dell’immobile o in cui si sono verificate le variazioni in grado di incidere sull’ammontare dell’imposta.
 
Il DM 30 ottobre 2012 ha in seguito fornito il modello da utilizzare per le dichiarazioni, che vanno presentate entro il 4 febbraio 2013 per gli immobili in cui l’obbligo è sorto dal primo gennaio 2012 (Leggi Tutto).
 
Per gli obblighi dichiarativi degli immobili non commerciali, precisa la risoluzione, bisogna fare riferimento alla Legge liberalizzazioni 27/2012, successivamente integrata dalla Legge 213/2012 sulla finanza e il funzionamento degli enti locali, in base alla quale dal primo gennaio 2013 l’esenzione dall’imposta si applica solo alle parti di immobili destinate ad attività senza scopo di lucro.
 
La porzione di edificio destinata alle attività non commerciali deve risultare da una apposita dichiarazione che deve essere presentata dagli enti no profit e che, come previsto dal DM 200/2012, deve indicare gli immobili per i quali è dovuta l’Imu, quelli totalmente esenti e quelli che usufruiscono dell’esenzione parziale.
 
Come sottolineato dal Ministero dell’Economia e secondo quanto emerge dalle istruzioni allegate al DM 30 ottobre 2012, per le dichiarazioni gli enti non commerciali devono utilizzare un apposito modello, diverso da quello previsto per gli altri contribuenti.
 
Secondo il Ministero dell’Economia, anche il termine sarà diverso. Gli enti non commerciali non dovranno rispettare la scadenza del 4 febbraio, ma attendere l’emanazione del modello dedicato, in cui saranno indicati i termini per la presentazione delle dichiarazioni.
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Il programma del Governo Conte bis. Come realizzarlo? Partecipa