Carrello 0
NORMATIVA

Urbanistica, appalti e tempi di pagamento, per le PA in arrivo obblighi per la trasparenza

di Paola Mammarella
Commenti 5727

Sempre motivati i tempi e i costi per la realizzazione delle opere e le deroghe in presenza di emergenze o calamità naturali

Vedi Aggiornamento del 08/04/2013
Commenti 5727

24/01/2013 – Pianificazione urbanistica e governo del territorio, lavori pubblici e tempi di pagamento dovranno sottostare ai nuovi obblighi sulla trasparenza previsti per la Pubblica Amministrazione. È quanto prevede la bozza di decreto legislativo approvata dall’ultimo Consiglio dei Ministri.
 
Questi in sintesi i contenuti del decreto che, se confermati, apporteranno una serie di novità alle attività delle PA.
 
Pianificazione urbanistica e governo del territorio
Per garantire la trasparenza dei processi di pianificazione, realizzazione e valutazione delle opere, le pubbliche amministrazioni pubblicano sui propri siti istituzionali i documenti di programmazione delle opere pubbliche, le linee guida per la valutazione degli investimenti, i pareri dei valutatori che si discostano dalle scelte delle amministrazioni e le informazioni relative a tempi, costi unitari e indicatori di realizzazione delle opere completate.
 
Le PA sono tenute inoltre alla pubblicazione degli atti di governo del territorio, come piani territoriali, piani di coordinamento, piani paesistici, strumenti urbanistici e loro varianti. Prima dell’approvazione definitiva, per ogni atto devono essere resi noti gli schemi del provvedimento e gli allegati tecnici.
 
Una sezione apposita nel sito del Comune interessato deve inoltre essere dedicata alle proposte di trasformazione urbanistica d'iniziativa privata o pubblica in variante allo strumento urbanistico generale e alle proposte di trasformazione urbanistica che comportano premialità edificatorie in cambio della realizzazione di opere di urbanizzazione o della cessione di aree o volumetrie per finalità di pubblico interesse.
 
Deroghe in presenza dello stato di emergenza
Se, in caso di calamità naturali o di altre emergenze, le Amministrazioni adottano provvedimenti urgenti e di carattere straordinario, sono tenute a pubblicare l’elenco delle norme derogate e i motivi della deroga, nonché la durata del regime straordinario e i costi sostenuti per gli interventi.
 
Appalti
Ogni sei mesi le Pubbliche Amministrazioni devono aggiornare l’elenco dei provvedimenti inerenti alla scelta del contraente per l'affidamento di lavori, forniture e servizi. In particolare, devono emergere la modalità di selezione prescelta ai sensi del Codice Appalti, il contenuto, l'oggetto e la spesa prevista.
 
La PA deve inoltre pubblicare le informazioni riguardanti la struttura proponente, l’oggetto del bando, l'importo di aggiudicazione, l’aggiudicatario, la base d'asta, il numero dei partecipanti, i empi previsti per il completamento dell’opera, le eventuali modifiche e i recessi contrattuali.
Tra i documenti da pubblicare spiccano poi il Processo verbale di consegna dei lavori, il Certificato di ultimazione dei lavori e il Conto finale dei lavori, previsti dal Dpr 207/2010 – Regolamento attuativo del Codice appalti.
 
Tempi di pagamento
La bozza approvata prevede che le Amministrazioni, con cadenza annuale, pubblichino un indicatore dei propri tempi medi di pagamento denominato "indicatore di tempestività dei pagamenti".
 
I contenuti riflettono probabilmente le novità introdotte con il recepimento della Direttiva 2011/7/Ue contro i ritardati pagamenti, in base alla quale la PA ha a disposizione 30 giorni per il saldo delle somme dovute, termine dopo il quale scattano gli interessi di mora.
 

© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Lucernari e cupole per illuminare dall'alto, quali usi nei tuoi progetti? Partecipa