Carrello 0
PROFESSIONE

Società professionisti, il Cnappc chiede intervento urgente

di Paola Mammarella
Commenti 5243

Freyrie: accedere agli stessi vantaggi delle imprese e ok al regolamento prima delle elezioni

Vedi Aggiornamento del 08/04/2013
Commenti 5243
04/01/2013 – Regolare con urgenza il provvedimento sulle STP, società tra professionisti. È l’appello rivolto al Governo dal Cnappc, Consiglio nazionale degli architetti, pianificatori, paesaggisti e conservatori.
 
In una lettera inviata agli esponenti dell’Esecutivo, il presidente del Cnappc, Leopoldo Freyrie, ha affermato che i professionisti attendono da anni il varo di un provvedimento che renda possibile  formare apposite società, “come avviene nel resto d’Europa”.
 
Esplicita la richiesta di Freyrie: approvare il provvedimento prima delle elezioni in modo da attuare le leggi vigenti.
 
“Ogni ulteriore ritardo, si legge nel comunicato diffuso dal Cnappc, sarebbe non solo ingiustificabile ma anche dannoso per oltre un milione di professionisti italiani”, che  con una norma di riferimento potrebbero avere un migliore accesso al lavoro grazie all’integrazione delle competenze.
 
Freyrie ha inoltre mostrato disappunto anche verso l’orientamento dell’Agenzia delle Entrate, che nega ai professionisti l’accesso alle Reti di impresa e contro l’esclusione dei professionisti dai vantaggi fiscali previsti per le imprese.
 
Ricordiamo che le STP sono state introdotte dalla Legge di Stabilità 2012 e successivamente modificate dal Decreto Liberalizzazioni che ha consentito ai professionisti di esercitare la propria attività secondo i modelli societari regolati dai titoli V e VI del libro V del Codice Civile.
 
Il processo per la regolamentazione delle STP è però incompleto per la mancanza del Regolamento sulle modalità di conferimento e di esecuzione dell’incarico da parte dei soci professionisti, l’incompatibilità di partecipazione ad altre società tra professionisti e le modalità di assoggettamento dei soci professionisti e delle società al regime disciplinare degli Ordini e Collegi.
 
Del Regolamento esiste già una bozza, su cui il Consiglio di Stato si è pronunciato lo scorso luglio, chiedendo maggiore trasparenza (Leggi Tutto).  L’iter del testo si è però arenato.
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Il programma del Governo Conte bis. Come realizzarlo? Partecipa