Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Superbonus 110%, Conte: ‘intendiamo estenderlo anche oltre il 2021’
NORMATIVA Superbonus 110%, Conte: ‘intendiamo estenderlo anche oltre il 2021’
AZIENDE

Pilkington per la nuova Cantina Antinori: quando la luminosità è essenziale

Una realizzazione importante in un paesaggio unico al mondo

Commenti 3747
Pilkington per Cantina Antinori
Pilkington per Cantina Antinori
Pilkington per Cantina Antinori
Pilkington per Cantina Antinori
04/02/2013 - Pilkington partecipa alla realizzazione di una nuova cantina per un brand fra i più importanti, in una delle aree più celebri al mondo per questa attività, in un paesaggio unico, è già un lavoro importante. Quando poi questo lavoro si sviluppa integrato nel territorio, valorizzandolo senza deturparlo, si arriva ad un’opera unica. La nuova sede della Cantina Antinori sorge a Bargino fra le province di Firenze e Siena, nelle colline del Chianti: nelle e non sulle, perché si sviluppano principalmente all’interno di quella terra che fornisce quel vino celeberrimo.

Lo studio Archea del Professor Marco Casamonti ha sviluppato un progetto ipogeo che aggiunge al tipico paesaggio del Chianti, il valore di una costruzione inserita e intrisa della cultura locale.

La cantina è di per se un ambiente interno, oscuro, nascosto nel paesaggio e valorizzato dalla sequenza ritmata delle volte in terracotta, dove le ottimali condizioni termiche e igrometriche favoriscono la realizzazione del prodotto. Non quindi una anonima riproposizione dell’esistente, ma una naturale accondiscendenza con le esigenze funzionali del luogo.

Tutti gli uffici direzionali e amministrativi si trovano al piano superiore, ricevendo la luce attraverso fori circolari aperti sul vigneto di copertura. Una realizzazione di questo genere ha bisogno della massima trasmissione luminosa, le vetrate che si utilizzano non devono ridurre l’apporto luminoso esterno naturale.

Per questa ragione le vetrate sono state realizzate con lastre di Pilkington Optiwhite™. Questo prodotto infatti permette la massima resa della luce, senza alterarne i colori o la trasmissione luminosa, consentendo perciò la massima naturalezza dell’illuminazione degli ambienti.

Nel caso della Cantina Antinori, questo prodotto è stato installato in versione stratificata di sicurezza per parapetti e partizioni interne  nelle parti in cui è stato opportuno o obbligatorio utilizzare vetri di sicurezza. Lo stesso tipo di prodotto è stato utilizzato nella versione  con rivestimento basso emissivo Pilkington Optilam™ Therm OW, che mantenendo le ottime performance di trasmissione luminosa e di sicurezza, raggiunge  un’elevata prestazione di isolamento termico.

Questa versione è rivestita da uno strato di ossidi metallici che rendono il vetro basso emissivo, assicurando il massimo del comfort interno in termini di isolamento termico, con conseguente efficienza energetica. La versatilità del prodotto Pilkington Optiwhite™ è senza limiti. Esso trova applicazioni in architettura sia interna che esterna (pareti divisorie, parapetti, vetrocamere più trasparenti e con versione rivestite ad elevato isolamento termico, scale in vetro, ecc.) nonché in arredamento.

E’ sempre più utilizzato come substrato sul quale deporre rivestimenti basso emissivi o selettivi conferendo al vetro proprietà di isolamento termico o di controllo solare. Con questa tipologia di vetro, la trasmissione luminosa è maggiore e il rischio di rotture da shock termico ridotto.

PILKINGTON ITALIA su Edilportale.com

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Superbonus 110%, si parte col piede giusto? Leggi i risultati