Carrello 0
FINANZIAMENTI

Abruzzo post-sisma, bandi per imprese e strutture turistiche

di Giovanni Carbone

4 milioni per i nuovi insediamenti produttivi, altri 4 per il sostegno alla coesione sociale

Vedi Aggiornamento del 18/12/2013
19/02/2013 - La Regione Abruzzo stanzia 8 milioni di euro per rilanciare il settore produttivo e turistico nelle aree colpite dagli eventi sismici nel 2009.
 
L’iniziativa nasce da un incontro tra le forze economiche, sociali e produttive del territorio abruzzese, in cui è stata proposta la ri-edizione di due bandi pubblicati nel 2010, relativi all’Asse VI del Programma Operativo Regionale FESR 2007-2013 (Recupero e alla rivitalizzazione economica e sociale del territorio colpito dal sisma).
 
Il programma regionale persegue lo sviluppo del territorio attraverso la concessione di aiuti al sistema imprenditoriale e il finanziamento di infrastrutture nel campo dell'informatica, del risparmio energetico e dello sviluppo turistico.
 
L’edizione 2013 prevede una dotazione di 4 milioni di euro per ciascun bando:
 
Il primo, “Attrazione nuove imprese nell'area del cratere”, prevede contributi a favore delle iniziative imprenditoriali localizzate nelle aree del cratere. Esso è rivolto alle imprese nate dopo l’evento sismico del 2009 e promuove lo sviluppo di nuovi insediamenti produttivi attraverso l'apertura di strutture operative che non avevano sedi nell'area del cratere.
 
Il secondo bando, “Sostegno alla Coesione Sociale nell'Area del Cratere”, intende favorire l’aspetto attrattivo delle zone colpite, attraverso il sostegno al settore terziario. Il bando prevede la creazione di nuove strutture turistico-ricettive e la valorizzazione di quelle esistenti; le risorse saranno destinate ad alberghi, campeggi, case vacanza, ristoranti, pasticcerie, villaggi turistici, ostelli, affittacamere e bar.
 
La pubblicazione dei due bandi avverrà in seguito all’approvazione della Giunta regionale.
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui