Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Edilportale Digital Forum, giro di boa per la prima fiera virtuale dell’edilizia
TECNOLOGIE Edilportale Digital Forum, giro di boa per la prima fiera virtuale dell’edilizia
FINANZIAMENTI

Emilia-Romagna, contributi del 100% per la ricostruzione

di Giovanni Carbone

Oltre 1000 le richieste inoltrate tra abitazioni ed imprese, per un totale di 17,6 milioni di euro

Vedi Aggiornamento del 11/10/2013
Commenti 4608
15/02/2013 - Contributi del 100% sulle spese per la ricostruzione post-sisma in Emilia-Romagna; il contributo sarà totale anche per chi ha usufruito del vecchio regime (80%).

Sono state emanate nuove ordinanze che modificano le precedenti 29, 51, 86 e 57 del 2012 in materia di criteri generali per l’assegnazione dei contributi, per il ripristino o la ricostruzione degli immobili danneggiati dal sisma del 20 e 29 maggio 2012. I nuovi provvedimenti semplificheranno la gestione delle pratiche nella richiesta dei contributi.

Per le abitazioni:
- la scadenza per la presentazione delle domande è stata posticipata al 30 giugno 2013 per le B e C e al 31 dicembre 2013 per le E leggere e pesanti;
- è stato posticipato al 2 aprile 2013 il termine per il riconoscimento dei pagamenti diretti da parte del proprietario per lavori iniziati entro il 14 novembre 2012;
- il contributo per le varianti in corso d’opera potrà raggiungere 1/5 dei costi iniziali;
- si potranno adibire ad “abitazione principale” anche gli immobili non abitati alla data del sisma;
- è stata disciplinata in maniera più dettagliata l’attività di demolizione e ricostruzione.

Per le imprese:
- sarà possibile fare una domanda per ogni sito produttivo;
- per ogni sito la domanda di contributo potrà riguardare in parte l’immobile, in parte gli impianti, i macchinari e le scorte, salvo casi complessi per i quali occorrerà l’autorizzazione de Soggetto incaricato dell’istruttoria;
- gli stati di avanzamento dei lavori potranno essere 4 (prima erano 3) di cui il primo del 20% se inferiore al milione di euro, oppure del 10% se maggiore.

Oggi sono circa 1000 le pratiche inoltrate attraverso il Mude (Modello unico digitale per l'edilizia), per 1129 unità di abitazione e 6,2 milioni di euro impegnati; sono 25, invece, le richieste per le imprese per un totale di 11,4 milioni.

“Abbiamo ottenuto un risultato importante e non scontato - ha commentato il presidente della Regione Emilia-Romagna e commissario per la ricostruzione, Vasco Errani - e cioè il riconoscimento del 100% dei rimborsi per danni alla prima abitazione e per le imprese”.

“Abbiamo varato - ha specificato Errani - una serie di interventi che tendono a favorire l’accesso al meccanismo dei contributi, per esempio grazie a un accordo con gli ordini professionali e altro ancora che, sono convinto, accelererà il processo”.

“L’impianto delle procedure e delle ordinanze non cambia, ma migliora - ha commentato l’assessore regionale alle attività produttive, Gian Carlo Muzzarelli. Ci sono le condizioni per accelerare le domande, la concessione dei contributi e la partenza dei lavori”.

Con i nuovi provvedimenti - ha proseguito Muzzarelli - abbiamo introdotto innovazioni di rilievo nella direzione della chiarezza e della semplificazione”.

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui