Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Professionisti, la Puglia stanzia 125 milioni di euro per la ripartenza
PROFESSIONE Professionisti, la Puglia stanzia 125 milioni di euro per la ripartenza
CERTIFICAZIONE

ACE e impianti termici, partiti i controlli a Firenze

di Giovanni Carbone

Verifiche sulla regolarità di progetti ed attestati, il 50% del campione è costituito da edifici in classe A

Vedi Aggiornamento del 17/05/2013
Commenti 7529
04/03/2013 - Dal 1° marzo 2013 a Firenze sono partiti i controlli a campione sugli Attestati di Certificazione Energetica (ACE) e sui progetti degli impianti termici e tecnici, depositati presso gli uffici comunali. 
Col metodo del sorteggio si verifica la regolarità e la completezza delle pratiche relative a progetti ed attestati energetici; inoltre, per gli ACE si valuta la congruità e la coerenza dei dati progettuali e di diagnosi con la metodologia di calcolo prescritta dalla normativa regionale in materia di energia.

Il sorteggio interessa un campione pari al 4% degli ACE presenta­ti nell’anno solare precedente; detto campione si ripartisce in misura del 50% tra gli attestati relativi ad edifici con classe energetica “A” e quelli degli edifici con classe inferiore. 

In Toscana, la disciplina della certificazione energetica degli edifici è regolata dalla LR 39/2005 (modificata dalla LR 71/2009) e dal Decreto 17/2010 che detta disposizioni per la redazione degli attestati energetici.
 
La procedura di controllo avviene tramite il sistema informativo regionale sull’efficienza energetica che contiene l’archivio informatico degli ACE e il catasto regionale degli impianti di climatizzazione.
 
“I controlli - spiega l’assessore comunale all’ambiente, Caterina Biti - hanno l’obiettivo di migliorare le relazioni tra la pubblica amministrazione, le imprese e i professionisti del settore, valorizzando e migliorando il rapporto con i cittadini”.
 
“Da parte nostra - prosegue l’assessore - nel periodo di avvio cercheremo di facilitare ogni rapporto tra la Direzione Ambiente e tutti i soggetti coinvolti”. 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui