Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Edilportale Digital Forum, al via il primo Summit online della Filiera delle Costruzioni
TECNOLOGIE Edilportale Digital Forum, al via il primo Summit online della Filiera delle Costruzioni
PROFESSIONE

Ritardo pagamenti, gli ingegneri spiegano come tutelarsi

di Paola Mammarella

Dal Consiglio nazionale uno studio su come accertare e far rimuovere le iniquità presenti nei contratti

Vedi Aggiornamento del 04/02/2014
Commenti 10004
27/03/2013 – Gli ingegneri possono tutelarsi dalle condizioni contrattuali inique e applicare in modo corretto le regole della Direttiva pagamenti 2011/7/Ue alle gare per l’acquisizione dei servizi di ingegneria.
 
Con questo obiettivo è stato redatto lo studio del Cni, Consiglio nazionale degli ingegneri, che dopo una panoramica sull’applicazione delle norme contro i ritardi nei pagamenti, valuta le possibili azioni di tutela a favore degli iscritti agli Ordini degli ingegneri.
 
Secondo lo studio del Consiglio nazionale degli ingegneri, i ritardi nei pagamenti sono un fattore distorsivo della concorrenza.
 
Nell’analisi della normativa italiana, il Cni ha sottolineato che il Decreto legislativo 192/2012, che ha recepito la direttiva europea nell’ordinamento interno, dovrebbe applicarsi anche alla progettazione, all’esecuzione di opere ed edifici pubblici e ai lavori di ingegneria civile.
 
Per tutelare gli interessi dei propri iscritti, gli ordini professionali e il Cni possono agire per far rilevare l’eventuale iniquità delle condizioni contrattuali e farne dichiarare la nullità.
 
Il Cni sottolinea inoltre che, in base all’articolo 8 del Decreto legislativo 231/2002, le associazioni di categoria degli imprenditori possono chiedere al giudice competente di accertare la grave iniquità nell’ambito di termini di pagamento, interessi moratori e risarcimento e inibire l'uso di simili clausole eliminando gli effetti dannosi delle violazioni accertate.

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui