Carrello 0
AMBIENTE

Amianto, Legambiente presenta un progetto per la regione Umbria

di Giovanni Carbone

Predisposto un disciplinare tecnico per la gestione e lo smaltimento dei materiali inquinati

Vedi Aggiornamento del 26/03/2015
29/04/2013 - “Cittadini liberi dall’amianto” è il nome del progetto che Legambiente ha realizzato in collaborazione con la Regione Umbria e il Comune di Narni per sensibilizzare e supportare i cittadini alla bonifica dall’amianto, in condizioni di assoluta sicurezza.
La sintesi del progetto è un documento tecnico con cui la Regione Umbria attua delle procedure semplificate circa il trattamento dei materiali contenenti amianto e disciplina la gestione delle fibre inquinanti in fase di smaltimento.
 
“Il nostro - ha dichiarato la presidente di Legambiente Umbria, Alessandra Paciotto - vuol essere un progetto pilota per l’Umbria; con il Comune di Narni e la Regione, abbiamo intanto avviato un percorso di informazione e un sistema semplice per la gestione di un problema, quello dello smaltimento dei manufatti contenenti amianto che finora è stato affrontato soprattutto sul fronte dei siti industriali e degli edifici pubblici”.
 
“La Regione Umbria - ha sottolineato l’assessore regionale all’ambiente, Silvano Rometti - sostiene il progetto poiché consentirà di diffondere le buone pratiche per una corretta gestione dei piccoli materiali contenenti amianto, contrastando il fenomeno dell’abbandono incontrollato sul territorio”.
 
“Nel disciplinare - ha dichiarato Rometti - abbiamo definito le modalità con le quali piccoli quantitativi di amianto possono essere raccolti e trasportati senza dover per forza attivare lunghe e costose procedure burocratiche; in alcuni casi i materiali possono essere raccolti direttamente dai cittadini e consegnati a ditte specializzate nel trasporto e nell’invio a smaltimento”.
 
“Questo progetto - ha aggiunto l’assessore - potrà dare un valido contributo a una corretta gestione dei rifiuti contenenti amianto, a tutto beneficio dell’ambiente e della salute dei cittadini; auspichiamo, pertanto, che oltre a Narni possa essere esteso ad altri Comuni”.
 
Il Comune di Narni - ha detto l’assessore comunale all’ambiente, Alfonso Morelli - ha già predisposto un bando di gara per l’affidamento del servizio di rimozione e smaltimento di piccoli quantitativi di materiali contenenti amianto; la ditta vincitrice effettuerà i sopralluoghi nei luoghi dove si trova l’amianto per definire gli interventi più opportuni, fornirà ai cittadini che ne faranno richiesta i kit per lo smontaggio di piccoli manufatti in amianto, provvederà alla raccolta e allo smaltimento a prezzi calmierati”.
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Quanto è equo il compenso dei professionisti? Leggi i risultati