Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Edilportale Digital Forum, al via il primo Summit online della Filiera delle Costruzioni
TECNOLOGIE Edilportale Digital Forum, al via il primo Summit online della Filiera delle Costruzioni
NORMATIVA

Debiti PA, per progettisti e imprese c’è ancora da attendere

di Paola Mammarella

Rinviato ai prossimi giorni il Consiglio dei Ministri per lo sblocco dei 40 miliardi, Governo: 7 miliardi disponibili entro lunedì

Vedi Aggiornamento del 15/05/2013
Commenti 3406
04/04/2013 – Slitta a data da destinarsi lo sblocco dei pagamenti a favore di progettisti e imprese. Il Consiglio dei Ministri, che ieri sera alle 19 doveva dare l’ok al decreto legge per consentire alle Pubbliche Amministrazioni di saldare i debiti pregressi, è stato posticipato ai prossimi giorni perché il Ministro dell’Economia e Finanze Vittorio Grilli e quello dello Sviluppo economico Corrado Passera hanno ritenuto opportuni maggiori approfondimenti sul testo.
Scarica la bozza del decreto legge pubblicata in anteprima da Edilportale
 
I contenuti del Decreto
Il testo che doveva essere approvato ieri, e che fino a lunedì subirà quasi sicuramente delle modifiche, prevede che i pagamenti dei debiti contratti dagli enti locali per un totale di 5 miliardi siano esclusi dal patto di stabilità.
 
Entro il 30 aprile gli Enti locali dovrebbero comunicare l’entità dei pagamenti da escludere dal patto di stabilità. La cifra verrebbe convalidata entro il 15 maggio con un decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze.
 
Nel caso in cui i Comuni non abbiano avanzi di gestione con cui pagare i debiti, il decreto prevede che possano accedere ad un fondo con una dotazione di 2 miliardi di euro per ciascuno degli anni 2013 e 2014. Si tratta di una sorta di prestito da restituire con un piano di ammortamento fino a 30 anni.
 
Per incentivare l’erogazione dei pagamenti la bozza consente inoltre alle Regioni di aumentare l’aliquota Irpef dal 2013 anziché dal 2015.

Gli impegni del Governo dopo lo slittamento del DL
Come emerso durante l’incontro tra Governo e Anci, Associazione nazionale comuni italiani, l’Esecutivo si è però impegnato a mettere a punto il decreto sui pagamenti entro il fine settimana o al massimo entro lunedì, garantendo anche che saranno subito disponibili 7 miliardi di euro.
 
Ricordiamo che per il varo del decreto legge sullo sblocco dei pagamenti è stata necessaria l’approvazione di una nota di variazione al Documento di economia e finanza per l’immissione di 40 miliardi di euro nel sistema economico, 20 miliardi nella seconda parte del 2013 e ulteriori 20 miliardi nel corso del 2014. La nota di variazione del Def è stata approvata dalle Commissioni speciali sui pagamenti istituite alla Camera e in Senato.

Secondo le stime dell’Esecutivo la manovra provocherà un aumento del deficit al 2,9%, arrivando poco al di sotto del limite massimo del 3% imposto dall’Unione Europea (Leggi Tutto).

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui