Carrello 0
AZIENDE

​Le soluzioni Gewiss per la realizzazione di impianti sicuri e a norma

15/05/2013 - La sicurezza elettrica è un tema da sempre molto importante per GEWISS. L'azienda ha investito molto nel corso degli anni nello sviluppo di prodotti finalizzati al miglioramento della sicurezza in ambito residenziale, terziario e industriale. 

Quello della sicurezza elettrica domestica è un problema che cattura l’attenzione dell’opinione pubblica solo in occasione di eventi drammatici che periodicamente arrivano ad occupare le prime pagine dei giornali, ma che presto finisce in secondo piano con l’esaurirsi dell’emozione collettiva. Questo nonostante il fenomeno degli incidenti domestici in Italia mostri un quadro tutt’altro che incoraggiante.
Tuttavia, il tema della sicurezza elettrica è al centro di un forte e continuo interesse sia da parte delle istituzioni, per quanto concerne l’aspetto legislativo, che da parte degli enti preposti, sotto il profilo degli aspetti tecnico normativi.

1. LA NORMA CEI 64-8
La norma CEI 64-8 rappresenta il principale riferimento normativo per tutti coloro che operano sugli impianti elettrici di bassa tensione. Nel 2011 la Norma è stata integrata con un nuovo allegato che, attraverso la definizione di livelli minimi delle dotazioni impiantistico-funzionali nel settore residenziale, ha introdotto un nuovo paradigma di valutazione dell’impianto elettrico. Questo allegato è stato poi integrato ed aggiornato nel corpo della nuova edizione della norma CEI 64-8, pubblicata nel giugno del 2012, diventando il nuovo capitolo 37.

La nuova norma CEI 64-8 muove un importante passo verso la definizione di uno standard di qualità globale degli immobili, in cui tutte le componenti, dall’involucro all’impianto elettrico, devono soddisfare criteri di sicurezza, sostenibilità ambientale, usabilità e fruibilità. Non solo. La nuova Norma rappresenta anche un’importante evoluzione del concetto di impianto elettrico, non più ancorato unicamente al criterio della sicurezza ma anche strettamente connesso a quello della prestazione. 

Il nuovo documento introduce una classificazione degli impianti secondo tre livelli, per ognuno dei quali sono definite le dotazioni minime impiantistiche e funzionali che ne caratterizzano il livello di prestazione e fruibilità.

I livelli sono così definiti:
- LIVELLO 1 BASE. Con il livello base l’abitazione sarà dotata di più punti prese, luci, tv, telefono e dati, garantendo più sicurezza e più comodità in ogni momento della giornata.
- LIVELLO 2 STANDARD. Oltre alle comodità del livello base, il livello standard rende la casa un luogo più sicuro e più protetto, grazie al videocitofono e al sistema antintrusione.
- LIVELLO 3 DOMOTICO. Per tutti gli utenti che desiderano una casa che sappia soddisfare ogni esigenza. Con il livello 3 domotico, oltre a comodità, sicurezza e protezione, la casa sarà dotata di gestione scenari, controllo remoto e controllo dei carichi elettrici. Inoltre, con un sistema domotico è possibile abbattere barriere architettoniche ed ostacoli che rendono difficili anche le azioni più semplici.

2. GEWISS E LA SICUREZZA ELETTRICA
Da sempre GEWISS ha posto al centro del proprio interesse il tema della sicurezza elettrica, investendo molto nel corso degli anni nello sviluppo di prodotti finalizzati al miglioramento della sicurezza in ambito residenziale, industriale e terziario.

GEWISS è oggi in grado di fornire soluzioni per realizzare un impianto sicuro, fruibile e coerente con gli obblighi di legge, proponendo differenti configurazioni d’impianto che si adattano ad ogni esigenza e soddisfano i criteri di ciascuno dei livelli previsti dalla norma.

La Norma CEI 64-8 fornisce infatti precise disposizioni riguardo la configurazione del quadro d’appartamento, che variano a seconda delle dimensioni dell’unità abitativa e del livello di impianto desiderato. In particolare, la Norma prevede che per realizzare un impianto elettrico di Livello 1 sia necessario configurare il quadro d’appartamento in modo che ad ogni circuito corrisponda un interruttore magnetotermico dedicato, in aggiunta agli interruttori impiegati esclusivamente per carichi dedicati o per locali esterni. Un impianto di Livello 2 prevede, oltre alle prescrizioni del Livello 1, anche l’introduzione di un dispositivo per la gestione dei carichi. Il Livello 3, infine, introduce anche l’obbligo di un dispositivo (SPD) di protezione dalle sovratensioni.

GEWISS offre tutti i dispositivi che consentono di realizzare qualsivoglia configurazione del quadro d’appartamento: centralini, dispositivi di protezione del differenziale, interruttori magnetotermici, relé di gestione dei carichi, scaricatori di sovratensione. Combinando fra loro le diverse soluzioni, è possibile costruire un quadro su misura per le proprie esigenze, rispettando al contempo le predisposizioni normative e salvaguardando la sicurezza elettrica della propria abitazione.

3. CENTRALINI 40 CDi
I centralini da incasso della famiglia 40 CDi sono adatti per l’installazione di impianti tradizionali e domotici. Il design moderno, lineare e raffinato dei nuovi centralini si sposa con le forme e i colori della serie civile Chorus, offrendo l’ottimale integrazione estetica in ogni ambiente del residenziale e del terziario.

Disponibili in quattro colorazioni per ricercate soluzioni estetiche, la gamma di centralini da 4 e 36 moduli permette la realizzazione di quadri generali o di distribuzione per impianti tradizionali e domotici. Lo spazio interno agevola l’installazione e il cablaggio di apparecchiature domotiche e di protezione, oltre a favorire il passaggio dei cavi sotto la guida DIN.

Il fondo delle cassette è dotato di sedi asolate per il fissaggio del telaio guida DIN consentendo la regolazione del frontale e il perfetto allineamento con il piano della parete. Infine, l’apertura della portella con angolo superiore a 180° elimina sollecitazioni meccaniche e assicura l’accessibilità agli apparecchi.

4. RESTART AUTOTEST
ReStart Autotest è l'innovativo dispositivo brevettato da GEWISS per proteggere l'abitazione e garantire la sicurezza dell'impianto elettrico. Semplicissimo da montare (bastano due fili) ed installabile in qualsiasi centralino di casa, ReStart Autotest è il nuovo interruttore differenziale di GEWISS che protegge la casa da eventuali guasti all'impianto o da eventi imprevedibili quali fulmini o disturbi passeggeri nella rete.

ReStart Autotest è l’unico dispositivo di protezione che:
1. esegue in automatico il test del differenziale ogni trenta giorni, mantenendo così in efficienza la protezione.
2. Grazie al circuito di bypass, effettua la verifica periodica senza togliere la corrente all’impianto.
3. Garantisce anche il riarmo automatico dell’impianto. Quando la corrente salta a causa di uno sbalzo di tensione o di un temporale, ReStart Autotest la ripristina automaticamente in meno di dieci secondi, solo dopo aver verificato che non ci siano pericoli per le persone; se invece l’intervento è stato provocato da un guasto di tipo permanente, il dispositivo entra in blocco, segnalando l’anomalia mediante una spia luminosa.

Inoltre, i sistemi di controllo LED segnalano lo stato del differenziale e, in caso di mancato intervento o tempi di scatto troppo lunghi oppure di rilevamenti di contatti saldati, viene segnalato il problema con un messaggio di errore.

5. INTERRUTTORI MTC E MDC
Il problema degli scatti intempestivi delle protezioni differenziali è oggi molto sentito anche in ambiente domestico a causa dell’uso massiccio di apparecchiature elettroniche, tipico delle abitudini moderne, che tendono ad immettere disturbi sulla linea elettrica.

Per rispondere a queste esigenze, GEWISS ha arricchito la propria gamma con gli interruttori magnetotermici differenziali MDC tipo A[S] selettivi, MDC e BD tipo A[IR] ad immunità rinforzata e con gli interruttori differenziali puri SD tipo B.

Con l’aggiunta di MDC tipo A[S] e A[IR] l’offerta di interruttori magnetotermici compatti GEWISS si conferma come la più ampia attualmente sul mercato e, come sempre, garantisce le massime prestazioni risparmiando il 50% di spazio. Tutti i prodotti della Serie, infatti, si caratterizzano per una notevole compattezza, che permette di occupare un solo modulo DIN per ciascun dispositivo.

La presenza di una versione MDC A[S] selettiva incrementa la versatilità della gamma, rendendola adatta ad ogni situazione installativa. Inoltre, grazie a questa soluzione è possibile aggiungere un secondo livello di protezione differenziale a monte senza aumentare le dimensioni del quadro generale.

6. P-COMFORT
P-Comfort è il dispositivo installabile nel centralino domestico che gestisce in modo intelligente la potenza dell’impianto elettrico. In caso di accensione contemporanea di più elettrodomestici, P-COMFORT avvisa con un segnale acustico e ottico che si stanno superando i limiti di consumo dell’energia. In questo modo, basterà intervenire disattivando uno degli elettrodomestici e il consumo di energia tornerà al di sotto della soglia consentita.

Se invece il sovraccarico persiste, P-COMFORT non toglie la corrente a tutta la casa, ma solo agli elettrodomestici non prioritari, scelti personalmente dall’utente, per poi riattivarla autonomamente dopo un periodo di tempo prestabilito.

Così tutto continuerà a funzionare come sempre, evitando che la casa rimanga al buio. Inoltre, grazie al display presente sul dispositivo è possibile visualizzare e avere sempre sotto controllo la potenza assorbita in ogni istante dall’abitazione. Questo consente una maggior consapevolezza dei consumi energetici dell’abitazione, favorendo un uso più razionale dell’energia ed evitando inutili sprechi.

7. SCARICATORI DI SOVRATENSIONE
GEWISS propone una nuova famiglia di scaricatori di sovratensione LST, in grado di garantire una sicura protezione di tutto l’impianto elettrico ed evitare danni anche alle apparecchiature più sensibili.

La nuova famiglia di scaricatori di sovratensione rappresenta una soluzione tecnologica al passo coi tempi introducendo, oltre agli scaricatori di tipo 2, anche scaricatori tipo 1+2 e scaricatori per il fotovoltaico. In particolare, la gamma LST di tipo combinato (tipo 1+2) permette di ottenere una protezione del circuito elettrico sia dalle fulminazioni dirette sia da quelle indirette in un unico dispositivo.

Gli LST sono stati progettati per conoscere sempre ed immediatamente lo stato del corretto funzionamento del dispositivo di protezione e per facilitare la sua manutenzione. L’indicatore ottico in posizione frontale, cambiando colore da verde a rosso, segnala il raggiungimento della fine del ciclo di vita del dispositivo. Inoltre, grazie al contatto ausiliario integrato, è possibile segnalare immediatamente a distanza tale condizione di inefficacia del dispositivo di protezione. L’estraibilità delle cartucce, infine, rende più comoda e veloce l’operazione di sostituzione delle cartucce esaurite, senza la possibilità di commettere errori di cablaggio.

GEWISS su Edilportale.com
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
BIM: professionisti italiani, siete pronti? Leggi i risultati