Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Superbonus 110%, i tecnici chiedono norme certe e più controlli
NORMATIVA Superbonus 110%, i tecnici chiedono norme certe e più controlli
AZIENDE

Trade disputes: al via l'8 maggio al Global Solar Summit l'acceso dibattito tra associazioni internazionali

Commenti 1837

06/05/2013 - Si preannuncia estremamente acceso e ricco di novità il dibattito tra le associazioni internazionali rappresentative dell’industria del solare fotovoltaico in occasione della prima edizione del Global Solar Summit che si svolgerà alla Fiera di Milano-Rho nei giorni 8 e 9 maggio 2013 , ovvero in concomitanza con Solarexpo e l’attesa decisione della Commissione Europea sui dazi punitivi contro il fotovoltaico cinese.

Secondo indiscrezioni della stampa internazionale di questi giorni, la Commissione UE dovrebbe rendere nota la decisione su quella che è riconosciuta come la più grande disputa commerciale nella storia dell’Unione Europea proprio l’8 maggio, giorno in cui i portavoce delle principali associazioni del solare in Europa, Stati Uniti e Cina - Epia, Seia, EU ProSun e Afase -  insieme al responsabile del settore fotovoltaico della Camera di commercio cinese, interverranno al Global Solar Summit sul tema: “Quali condizioni per una crescita sostenibile in un libero mercato: governare i cicli di crescita e gestire le controversie commerciali”.

Durante la pausa dei lavori della session di apertura al Global Solar Summit l’8 maggio, sia EU ProSun sia Afase terranno una conferenza stampa presso la Sala Stampa all’interno diSolarexpo - The Innovation Cloud (a margine della conferenza stampa già annunciata della Global Solar Alliance) dedicata alle trade disputes.

Nell’ambito delle indagini anti-dumping, la Commissione Europea deve decidere entro il 6 Giugno 2013 in merito all’ipotesi di dazi preliminari. Wouter Vermeersch, CEO della società belga Cleantec Trade, portavoce di AFASE , ha dichiarato: “Il business del solare è fortemente price-sensitive. Le aziende del solare hanno già dovuto affrontare sistemi di incentivi feed-in-tariffs in progressiva riduzione. Se i prezzi sono incrementati artificiosamente da tariffe punitive, il mercato europeo del solare conoscerebbe una battuta d’arresto con effetti disastrosi sui posti di lavoro nell’industria green”.

“Il dumping è il vero problema del mercato solare europeo“, ha affermato Milan Nitzschke, Presidente dell’associazione dei produttori EU ProSun . “La violazione giornaliera del diritto commerciale da parte della Cina distrugge migliaia di posti di lavoro nell’industria europea. Se si consentisse alla Cina di ottenere in questo modo un monopolio nel settore solare, le conseguenze sarebbero catastrofiche non soltanto per l’industria solare europea, ma anche per i subfornitori, i produttori di materiale e migliaia di installatori. Perché i monopoli non determinano certo la diminuzione, ma l’aumento dei prezzi“.


Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Superbonus 110%, lo conosci davvero? Scoprilo con il quiz! Partecipa