Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Edilportale Digital Forum, al via il primo Summit online della Filiera delle Costruzioni
TECNOLOGIE Edilportale Digital Forum, al via il primo Summit online della Filiera delle Costruzioni
NORMATIVA

Imu sui capannoni industriali, ecco come pagare la prima rata

di Paola Mammarella

Definiti dalle Entrate i codici tributo da usare a giugno in attesa di modifiche dal Governo

Vedi Aggiornamento del 29/08/2013
Commenti 10204
24/05/2013 – L’Agenzia delle Entrate spiega come pagare l’Imu sui capannoni. Dato che gli edifici produttivi sono esclusi dallo slittamento della rata di giugno, la Risoluzione 33/E istituisce i codici tributo che i proprietari dovranno usare il prossimo mese, in attesa che entro agosto il provvedimento ad hoc annunciato dal Governo chiarisca la situazione delle imposte a carico delle imprese.
 
Se il pagamento dell’Imposta municipale unica avviene attraverso il modello F24, i proprietari dovranno usare il codice 3925 per la quota calcolata secondo l’aliquota ordinaria dello 0,76%, e 3930 per l'eventuale incremento deliberato dal Comune.
 
Se il versamento avviene tramite modello F24 EP si dovrà usare il codice 359E per l’aliquota standard e 360E per l’addizionale decisa dal Comune.
 
Per quanto riguarda i fabbricati rurali ad uso strumentale classificati nel gruppo catastale D si potranno usare i codici 3925 e 359E. I codici 3930 e 360E saranno invece inutilizzabili visto che, come spiegato dalla Risoluzione 5/DF del Ministero delle Finanze, per questa categoria di immobili il Comune non ha il potere di aumentare l’aliquota.
 
Per i fabbricati rurali ad uso strumentale diversi da quelli classificati nel gruppo catastale D restano validi i codici tributo 3913 e 350E istituiti in precedenza.
 
Ricordiamo che, secondo quanto di recente annunciato dal Governo, le imposte sui fabbricati strumentali appartenenti alle imprese dovrebbe essere modificata con un decreto da approvare entro agosto.
 
Gli immobili appartenenti al gruppo catastale D, in cui rientrano i capannoni industriali, non potranno infatti usufruire delle agevolazioni del Decreto Legge 54/2013, che ha stabilito lo slittamento della rata di giugno per abitazioni principali, immobili destinati ad abitazione principale appartenenti ai programmi di edilizia popolare, terreni agricoli e fabbricati rurali non strumentali (Leggi Tutto).
 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui