Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Edilportale Digital Forum, la seconda giornata della fiera virtuale dell’edilizia
TECNOLOGIE Edilportale Digital Forum, la seconda giornata della fiera virtuale dell’edilizia
AZIENDE

Il solare termico Beretta a 5050 metri sul livello del mare

L’installazione di solare termico più alta del mondo è sull'Everest ed è Beretta, specialista nei sistemi di riscaldamento residenziali

Commenti 2045
Particolare di uno dei pannelli solari Beretta installati
28/06/2013 - Beretta ha rinnovato anche quest’anno con Il Comitato Ev-K2-CNR, che gestisce la stazione meteorologica “Himalaya” in Nepal, il contratto per l’installazione di un impianto di solare termico a 5050 metri sul livello del mare ai piedi dell’ Everest.

Il contratto che lega il marchio lecchese specialista nei sistemi di riscaldamento con il Comitato è ormai di lunga durata, da 17 anni infatti Beretta fornisce, installa e sovrintende alle esigenze energetiche di questa stazione conosciuta come la “piramide all’Everest” e situata all’interno del Sagarmatha National Park, a Lobuche.

Il Sagarmatha National Park è uno dei siti patrimonio dell’umanità dell’Unesco ed è stato istituito per la tutela e la preservazione di rare specie animali e vegetali all’interno di un ambiente tanto affascinante quanto delicato. Ecco perché il Comitato si è rivolto a Beretta (riconosciuto come leader dell’eccellenza tecnologica nel proprio settore) per poter incrementare il comfort della stazione di ricerca minimizzandone l’impatto ambientale.

Nel mese di novembre, un team di tecnici Beretta ha raggiunto la “piramide” per installare un impianto di solare termico dotato di 8 collettori per un totale di 14 m2. All’interno della struttura è stato installato un impianto, progettato interamente nella sede di Lecco, che permette di immagazzinare 700 lt di acqua sanitaria a 55 °C e di riscaldare due ambienti a circa 20°C. Il risultato è andato oltre ogni aspettativa, soprattutto considerando le difficoltà incontrate nei lavori date dal freddo e dalla poca ossigenazione, ora il fabbisogno di calore dei locali è soddisfatto in toto dallo sfruttamento dell’energia solare.

Il nuovo impianto solare Beretta riesce a fornire grande comfort a zero emissioni e, considerando l’elevatissimo costo delle bombole di gas che vengono normalmente trasportate a spalla per 50 km, anche un grande risparmio in termini economici.

In abbinamento all’impianto solare è stata installata anche Exclusive Green 35 CSI Beretta, una caldaia a condensazione di normale produzione che è stata sottoposta ai controlli e le tarature necessarie ad adeguare la miscela aria-gas alla scarsa presenza, a quelle altitudini, di ossigeno nell’aria. Exclusive Green, senza necessità di modifiche strutturali, non ha riscontrato alcun problema ed ha cominciato a fornire calore ai fancoil della piramide adattandosi perfettamente alla situazione installativa. Un risultato ancora più importante poiché il gas a disposizione ha una composizione molto particolare e di non grande qualità.

Per gestire tutto il sistema è stato creato un software interamente sviluppato nei laboratori Beretta che permette di controllare in remoto la caldaia e l’impianto solare direttamente dagli uffici di Lecco, garantendo un monitoraggio costante e la possibilità di registrare il funzionamento in real-time dell’impianto. In loco, invece, lo staff della Piramide è stato formato dai tecnici Beretta riguardo l’installazione, l’uso e la manutenzione dell’impianto perché possano essere autonomi nella gestione, capendone le procedure e i comportamenti corretti atti a massimizzarne l’efficacia.

Sostenibilità e tecnologia Made in Italy sono due concetti fondamentali condivisi sia dal Comitato Ev-K2-CNR che da Beretta. L’attenzione per le tematiche legate alla sostenibilità ha spinto il Comitato Ev-K2-CNR a implementare anno dopo anno per ben 17 anni la collaborazione con l’azienda lecchese. Il primo passo è stato testare le caldaie Beretta per riscaldamento e fornitura di acqua calda sanitaria in condizioni estreme. Successivamente si è passati all’allestimento di un impianto solare per il lodge della Piramide sempre per la fornitura di acqua calda sanitaria e riscaldamento fino all’ utilizzo dell’energia solare prodotta dai pannelli per riscaldamento in tempo reale.

Il Comitato Ev-K2-CNR e la Piramide all’Everest
L'Associazione 'Comitato Ev-K2-CNR' è un ente privato autonomo, senza scopo di lucro, che da oltre vent’anni propone e realizza progetti di ricerca scientifica e tecnologica in alta quota, distinguendosi per la specificità e l'eccellenza dei risultati conseguiti nel panorama dell'indagine scientifica internazionale. La specificità dell’operato del Comitato Ev-K2-CNR risiede nella sua capacità di lavorare con una metodologia sistemica in un contesto multidisciplinare, agendo sempre a favore della diffusione della cultura scienza. Ev-K2-Cnr opera, infatti, coniugando ricerca scientifica e innovazione, a favore dello sviluppo sostenibile, della salvaguardia dell’ambiente e per migliorare la qualità della vita delle aree e delle popolazioni delle aree montane, ecosistemi tanto vulnerabili quanto ricchi di risorse. Il Laboratorio-Osservatorio Piramide del Comitato Ev-K2-CNR, intitolato al Prof. Ardito Desio, è nato nel 1990 a 5.050 metri di quota, nella Valle del Khumbu, Sagarmatha National Park ai piedi del versante nepalese dell’Everest, e si risolve in una costruzione piramidale in vetro, alluminio e acciaio. La struttura costituisce una risorsa unica per la ricerca scientifica in alta quota ed è gestita internamente dal Comitato Ev-K2-CNR insieme alla Nepal Academy of Science and Technology.

Il presupposto che ha accompagnato tutte le fasi, dalla progettazione alla realizzazione, del Laboratorio-Osservatorio Piramide è, infatti, che la struttura dovesse essere totalmente eco-compatibile ed impiegare solo energie rinnovabili in accordo con un più ampio concetto di sostenibilità: ricerca sostenibile, tecnologia sostenibile e strutture sostenibili

Un secondo requisito fondamentale per la realizzazione della struttura era che il Laboratorio dovesse essere il gioiello della tecnologia italiana e che quindi tutti i materiali utilizzati e la strumentazione in dotazione - compresi gli interventi di manutenzione e di miglioramento - dovessero essere rigorosamente Made in Italy.

Beretta su Edilportale.com

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui