Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Edilportale Digital Forum, la terza giornata della fiera virtuale dell’edilizia
TECNOLOGIE Edilportale Digital Forum, la terza giornata della fiera virtuale dell’edilizia
SICUREZZA

Duvri, facoltativo nei settori a basso rischio

di Giovanni Carbone

Il datore di lavoro potrà incaricare un preposto per il coordinamento dei lavori in sicurezza

Vedi Aggiornamento del 16/09/2014
Commenti 14695
26/06/2013 - Un preposto aziendale con mansioni di coordinatore al posto del Documento unico di valutazione dei rischi da interferenze (Duvri): è una delle novità in materia di semplificazione introdotte dal Decreto Legge 69/2013 (cosiddetto “del fare”).
Il Decreto modifica il Dlgs 81/2008 in tema di sicurezza sul lavoro e prevede che, in caso di attività classificate “a basso rischio”, il datore di lavoro possa decidere di non predisporre il Duvri e di incaricare, in alternativa, un preposto che sovraintenda alle attività di sicurezza e coordinamento dei lavori.
 
Il preposto incaricato deve essere soggetto a periodico aggiornamento e avere conoscenza diretta dell’ambiente di lavoro.
 
Il Duvri sarà comunque obbligatorio nel caso di rischi derivanti dalla presenza di agenti cancerogeni, biologici, atmosfere esplosive o dalla presenza dei particolari rischi per la salute e la sicurezza dei lavoratori.
 
Ricordiamo che il Duvri è il documento, redatto da un committente, che valuta i possibili rischi da interferenze quando un appaltatore sia impegnato in lavori di manutenzione o nell’impianto di cantieri temporanei, non soggetti a Piano di Sicurezza e Coordinamento.
 
Ulteriori misure semplificative previste dal DL 69/2013 in tema di sicurezza riguardano:

- modelli semplificati per la redazione del Piano Operativo di Sicurezza, del Piano di Sicurezza e Coordinamento e del fascicolo dell’opera nei cantieri che prevedano piccoli lavori con durata inferiore a dieci uomini-giorno;

- il riconoscimento di crediti formativi per gli addetti e i responsabili dei servizi di prevenzione e protezione qualora abbiano già svolto percorsi formativi (anche corsi di laurea) i cui contenuti si sovrappongano in tutto o in parte a quelli cui sono tenuti per legge.
 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui