Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Progettazione con calcoli complessi, nullo il contratto con il geometra
NORMATIVA Progettazione con calcoli complessi, nullo il contratto con il geometra
LAVORI PUBBLICI

Toscana, 'dibattito pubblico' per opere sopra i 50 milioni

di Giovanni Carbone

La Regione rinnova la legge di partecipazione democratica sul modello francese del "débat public"

Vedi Aggiornamento del 16/12/2013
Commenti 5827
31/07/2013 - Dibattito pubblico obbligatorio per tutte le opere d’interesse regionale con importo a partire da 50 milioni di euro. È una delle maggiori novità della nuova legge sulla partecipazione che la Regione Toscana si appresta a varare.
Si tratta di una legge “a scadenza” che la Toscana ha emanato per la prima volta cinque anni fa (LR 69/2007) promuovendo la partecipazione democratica dei cittadini all’elaborazione delle politiche insediative regionali e locali.
 
Lo strumento legislativo riproduce il modello del “débat public” alla francese e mira a promuovere un livello più alto di consenso sociale nei processi di realizzazione delle opere pubbliche, evitando contenziosi e proteste in grado di ritardare i lavori. 

Il modello della consultazione pubblica nella progettazione delle opere strategiche è stato anche discusso e promosso a livello nazionale col ddl delega in materia di infrastrutture approvato dal Governo lo scorso ottobre, per il riordino della disciplina edilizia e urbanistica (leggi tutto).
 
La gestione e la valutazione dei processi partecipativi sarà a cura dell’Autorità indipendente, un organo collegiale formato da tre membri nominato dal Consiglio e dal Presidente della Giunta regionale che durerà in carica cinque anni.
 
Sotto i cinquanta milioni spetterà all’Autorità decidere se attivare o meno (anche per via informatica), nelle fasi preliminari di elaborazione di un progetto o di un’opera, un dibattito pubblico, oppure scegliere di sostenere un processo partecipativo locale in caso di progetti poco rilevanti per la comunità toscana.
 
“La democrazia partecipativa - ha commentato l’assessore alla Partecipazione, Vittorio Bugli - può aiutare le istituzioni a far prima e meglio, discutendo prima anziché dopo, anticipando lo stallo e i ritardi di una contestazione, discutendo tutte le opzioni e individuando magari nuove soluzioni”. 
 
“La partecipazione inoltre - ha precisato Bugli - viene prima e non si sostituisce alle istituzioni che ascoltati i cittadini legittimamente assumono poi le loro decisioni. Certo se le decisioni sono più condivise è più facile poi evitare conflitti imbarazzanti”.
 
“La democrazia partecipativa - ha proseguito Bugli - in Toscana è di casa e vogliamo continuare a scommetterci; democrazia rappresentativa e partecipativa sono due facce di una stessa medaglia e la seconda può aiutare le istituzioni e la politica a prendere le migliori decisioni o comunque a fare scelte più condivise”.

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Liguria, quali scenari si aprono per architetture e cantieri? Partecipa