Carrello 0
NORMATIVA

Decreto Ecobonus: la detrazione 65% è estesa ai lavori antisismici

di Rossella Calabrese
Commenti 13613

Agevolazione applicabile a prime case ed edifici produttivi ricadenti in zona sismica 1 e 2

Vedi Aggiornamento del 15/10/2013
Commenti 13613
29/07/2013 - Inizia oggi alle 11.00 in Aula alla Camera l’esame del Decreto Ecobonus, il ddl di conversione del DL 63/2013 che recepisce la Direttiva 2010/31/UE sulla prestazione energetica nell’edilizia e proroga le detrazioni del 50% per le ristrutturazioni e del 65% per la riqualificazione energetica.
 
Venerdì scorso le Commissioni Finanze e Attività produttive hanno dato il via libera all’estensione della detrazione del 65% ai lavori preventivi di adeguamento antisismico degli edifici come promesso dai presidenti delle Commissioni Ambiente di Camera e Senato (leggi tutto).
 
La detrazione del 65% (era 50% nella prima ipotesi) fino ad un massimo di spesa di 96.000 euro spetta, fino al 31 dicembre 2013, a costruzioni adibite a prima casa e ad attività produttive, ricadenti nelle zone sismiche ad alta pericolosità, zone 1 e 2, di cui all’Opcm 3274/2003 (3.069 Comuni).

“Per i nuovi interventi da qui alla fine dell’anno, nelle zone sismiche 1 e 2 - ha detto il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Maurizio Lupi -, chi ristruttura la casa o il capannone industriale con criteri antisismici godrà di un bonus fiscale del 65 e non più del 50%. L’Italia deve uscire dalla cultura dell’emergenza, per cui lamentiamo le nostre carenze strutturali sempre dopo un disastro. I terremoti non sono prevedibili, ma la costruzione di case che sappiano resistere alle scosse sì. Questo, che molti giudicheranno un piccolo passo, è invece un passo importante per la sicurezza delle nostre abitazioni e delle nostre imprese”.
 
Soddisfazione è stata espressa da Leopoldo Freyrie, Presidente del Consiglio nazionale degli architetti, pianificatori, paesaggisti e conservatori, che ha dichiarato: “Finalmente prende il via concretamente anche nel nostro Paese la cultura della prevenzione antisismica. Una norma che salverà molte vite umane. Una battaglia di civiltà, dunque, condotta con successo”.

“Confermata anche l’estensione del bonus 65% alle spese per schermature solari, micro-cogenerazione e micro-trigenerazione per il miglioramento dell’efficienza energetica, e agli interventi per promuovere l’efficientamento idrico e per la sostituzione delle coperture di amianto negli edifici, annunciati alcuni giorni fa (leggi tutto).
 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
Enrico

Lavori di adeguamento????Solo a quelli???non sarebbe meglio un miglioramento in termini di percentuale sul tempo di ritorno no???altrimenti a mio avviso sti incentivi non sono quasi mai utilizzabili...


x Sondaggi Edilportale
Cosa è cambiato con il decreto SCIA 2? Rispondi al quiz! Partecipa