Carrello 0
RISPARMIO ENERGETICO

Ance Salerno lancia la 'Moneta urbanistica'

Per imprese e Comuni, premialità volumetriche in caso di riqualificazione del patrimonio edilizio

22/07/2013 - “Moneta urbanistica” e un “Patto per lo sviluppo dell’edilizia green” sono le strategie sulle quali punta l'Ance di Salerno per battere la crisi.
 
Sono contenute nel documento di analisi strategica elaborato dal Centro Studi dell’Ance Salerno alla base dell'indirizzo programmatico che l'Associazione dei costruttori salernitani, presieduta dal presidente Antonio Lombardi intende realizzare nel secondo semestre del 2013 e nei primi mesi del 2014.
 
“Per fare ripartire il settore delle costruzioni - si sostiene nella nota di sintesi diffusa da Lombardi ai costruttori - non c'è altra possibilità che insistere sulla riqualificazione del patrimonio edilizio esistente. Lo strumento che può certamente attrarre investimenti privati è quello della moneta urbanistica. Prevedere, cioè, premialità volumetriche per le imprese che decidono di intervenire, per esempio, abbattendo e ricostruendo edifici, rendendoli efficienti e innovativi dal punto di vista energetico oppure ristrutturandoli con materiali eco-compatibili», ricorrendo a materiali a basso impatto ambientale, energia da fonti alternative, verde attrezzato ed architettura di qualità”.
 
Quello che propongono i costruttori salernitani è un “piano di riqualificazione del patrimonio edilizio pubblico e privato» della provincia di Salerno che abbia come «leva» strategica «la premialità volumetrica per le imprese” e “l’implementazione degli interventi di rilevanza pubblica per i Comuni”.
 
“Se si prevedono per le imprese aumenti di volumetria o cambi di destinazione d’uso di immobili - spiegano i costruttori - gli Enti Locali potranno ottenere in cambio non solo flussi finanziari in entrata, ma anche la realizzazione di opere di rilevanza pubblica: aree a verde attrezzato come parchi o giardini pubblici, urbanizzazione e servizi nel sottosuolo» facendo così nascere «veri e propri eco-quartieri”.
 
Per l’Ance di Salerno è indispensabile “rinnovare e reinventare la filiera allargata dell’edilizia (architetti, ingegneri, geometri, artigiani, operai specializzati, imprese di costruzioni, produttori di materiali, fornitori di servizi), che va riorientata verso la frontiera della sostenibilità ambientale”.
 
“È questa la premessa sostanziale - si conclude nella nota del Centro Studi dell’Ance di Salerno - per dare avvio alla concretizzazione delle città intelligenti. Sulla base di tale ragionamento sono già in corso contatti per rendere operativo un vero e proprio Patto per lo Sviluppo dell'Edilizia Green”.
 
Fonte: Centro studi di Ance Salerno
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Quanto è equo il compenso dei professionisti? Leggi i risultati