Carrello 0
AZIENDE

Baite e rifugi con le coperture PREFA

Resistente e compatto come la pietra, duttile e versatile come il legno, leggero come il vento, splendente come la luce e vitale come l’acqua

26/08/2013 - Se nelle nostre città e nelle zone temperate le discriminanti architettoniche si basano su scelte estetiche, artistiche, di tendenze e design o di armonizzazione con le forme classiche esistenti, di pari passo ad una rinnovata e sempre più attuale attenzione alle prestazioni energetiche e tecnologiche, in alta quota vale tutto questo ma l’imperativo costruttivo è la resistenza alle condizioni climatiche estreme.

In montagna, e tanto più sulle grandiose pendici alpine, le competenze PREFA trovano la loro esaltazione: “il tetto, forte come un toro!” permette di realizzare coperture di grande pregio estetico, in armonia con i colori della natura, con soluzioni che risultano praticamente eterne e non richiedono manutenzione.

Grazie ai loro innumerevoli vantaggi prestazionali, di resistenza e durata nel tempo, i sistemi di copertura e rivestimento PREFA sono stati scelti per ristrutturare o realizzare numerosissimi rifugi alpini, baite, malghe, bivacchi, chalet, a partire dai 900 metri fino a 3000 metri di altitudine, collocati su tutto l’arco alpino nel territorio di quattro diverse nazioni (Italia, Svizzera, Germania, Austria).

Uno sguardo con il naso in su
Fra le tantissime realizzazioni effettuate in alta quota con i materiali PREFA, un intervento di particolare rilevanza tecnica è la ricostruzione del rifugio Rasciesa in Val Gardena, a 2.170 metri di altezza, ai piedi del monte Rasciesa di Fuori, da cui prende il nome.

Il rifugio si trova poco sopra Ortisei ed è raggiungibile dal paese con il nuovo trenino Rasciesa inaugurato nel 2010 in sostituzione dell’antichissima seggiovia singola che per 50 anni aveva accompagnato la salita di escursionisti e sciatori sulla costa di questa montagna.
Il rifugio originale era stato costruito nel 1903 dalla sezione Val Gardena del Club alpino 'DÖAV - Deutsch-Österreichiscer Alpenverin” e dopo la Seconda Guerra Mondiale passò al CAI di Bolzano. La mancanza di interventi di manutenzione e risanamento strutturali e la mancata messa a norma degli impianti portò alla chiusura della struttura nel 1997.

Otto anni dopo il Comune di Ortisei ha acquistato il rifugio Rasciesa dando avvio al progetto di ricostruzione elaborato dall'ing. Flavio Mussner. I lavori di ricostruzione del rifugio sono stati eseguiti negli anni 2009 e 2010, contemporaneamente alla realizzazione della funicolare al posto della seggiovia.

Il vanto di questo progetto è stato l’ottenimento del certificato 'Casa Clima A+': l’edificio, conforme ai criteri costruttivi di efficienza energetica e criteri ecosostenibili per la scelta dei materiali e delle fonti energetiche, consuma solo 3 kW/ora per metro quadrato.
Per la copertura del tetto del rifugio Rasciesa sono state scelte le Tegole PREFA nella colorazione antracite P.10, la cui posa in opera è stata realizzata dal lattoniere Manuel Santifaller di Ortisei, installatore certificato PREFA.

Passeggiate oltre confine
Rifugio Igloo, Alpi Pennine, Canton Vallese - Svizzera
Sul versante svizzero delle Alpi Pennine a 3280 metri di altitudine, sulla sommità del ghiacciaio Pantalons Blancs si trova il piccolo rifugio Igloo dalla caratteristica forma ottagonale. Con una piccola base in muratura di 6 metri di diametro, la struttura del bivacco, completamente realizzata in legno, racchiude un volume di circa 60 metri cubi. La costruzione del bivacco Igloo risale al 1975 e dopo 30 anni di esposizione alle intemperie la copertura in tegole bituminose ardesiate è stata oggetto di risanamento nel 2009: nell’estate di quell’anno è stato realizzato un nuovo involucro che è andato a fasciare la copertura esistente, con una sottostruttura ventilata in legno rivestitacon le Scandole PREFA nel colore antracite. Tale prodotto, insieme al rivestimento per facciata PREFA nello stesso colore, è stato scelto per la sua elevata qualità, le performance di resistenza agli agenti atmosferici e soprattutto per la sua leggerezza e maneggevolezza dato che tutti i materiali sono stati trasportati sul ghiacciaio in elicottero.

RifugioArciduca Giovanni (Erzherzog JohannHütte) - Austria
Saliamo infine oltre i 3400 metri di altitudine al confine fra i Länder austriaci del Tirolo, del Salisburghese e della Carinzia, per ammirare la ristrutturazione dell’imponente rifugio Erzherzog-Johann costruito nel 1879 sul versante a sud-est del Grossglockner, la vetta più alta del massiccio montuoso del Gruppo del Glockner con i suoi 3.798 m. Il rifugio Arciduca Giovanni (Erzherzog Johann Hütte), situato a 3.454 m di altitudine è il più alto d‘Austria ed è una base perfetta per la salita al Grossglockner, sulla cui vetta si eleva la famosa 'Kaiserkreuz', una croce qui trasportata nell'anno 1800 dalle guide alpine di Kals.

A pochi anni dall’inaugurazione nel 1880 è stato oggetto di continui ampliamenti per il costante e massiccio aumento dei visitatori. Nel secondo dopoguerra è avvenuta la prima importante ristrutturazione, mentre dal 2004 in poi gli interventi di risanamento hanno riguardato l’edificio storico in pietra, con la stabilizzazione delle fondazioni dell’edificio, consolidamento della muratura e risanamento e ammodernamento degli interni. Infine è stata realizzata nel 2009-2010 la nuova copertura per la quale sono state scelte le Tegole PREFA. L’intervento di ripristino del tetto ha interessato una superficie di 310 mq ed è stata realizzata dall’installatore Striedner.

La forza delle coperture PREFA in ogni situazione climatica
I Sistemi per coperture PREFA in alluminio sono estremamente leggeri ma al tempo stesso offronouna elevata resistenza alle intemperie che non trova paragoni, sia dal punto di vista della durata nel tempo che per la tenuta statica. Gli elementi di copertura come le Tegole, le Scandole o le Scaglie PREFA, infatti, sono dotate di un particolare sistema di fissaggio a scomparsa con graffette brevettate, unico nel suo genere, che, assieme all’opportuna posa sfasata e la collaudata tecnica ad aggraffatura doppia, permette al tetto di resistere alle raffiche di vento più estremefino a 235 km/h.

È inoltre da sottolineare come gli elementi in alluminio PREFA siano garantiti contro la rottura in qualsiasi situazione, anche con carichi di neve davvero elevati. Le Tegole PREFA sono infatti in grado di assicurare una portata di 800 kg/mq (con carico distribuito con tegole posate su controlistelli ad interasse di 80 cm e interasse listelli di 41,9 cm con listello intermedio a 21 cm, oppure poste su tavolato).
L’elevata resistenza è coniugata con una incredibile leggerezza: con 2,3 – 2,6 kg/mq il peso di un tetto PREFA è davvero ridotto rispetto a quello di un tetto tradizionale che va dai 35 ai 55 kg/mq a seconda dei materiali. Questa sua peculiarità lo rende ideale per le ristrutturazioni, in quanto la nuova copertura non richiede costose sottostrutture e rinforzi aggiuntivi per essere sostenuta, ma al contrario può essere installata, previa verifica facilmente e velocemente sulla struttura esistente da parte di installatori professionali specializzati PREFA.

Anche le escursioni termiche fra notte e giorno che in montagna possono raggiungere anche i 50°C, così come l’alternanza di gelo e disgelo non hanno nessun effetto sulle coperture PREFA. L’alluminio è un materiale intrinsecamente non soggetto all’azione della ruggine né alla corrosione, mentre la speciale verniciatura con lacca termo-indurente a due strati realizzata con la tecnologia Coil Coating è malleabile e garantisce ulteriore protezione alla copertura e colori sempre inalterati. I costanti controlli in fase di produzione e finitura e le tecnologie più avanzate garantiscono per tutti i colori un’elevata e duratura qualità di rivestimento e del prodotto.

Inoltre le nuove colorazioni P.10 dalle tonalità ispirate alla natura, rendono l’alluminio ancora più resistente ai raggi UV e alle intemperie, decretando l’inalterabilità del colore. Gli elementi per coperture in alluminio PREFA sono garantiti 40 anni contro rottura, corrosione, ruggine e congelamento, nelle condizioni indicate nel certificato di garanzia e nel caso di colori P.10 anche contro la scheggiatura, la sfaldatura, la formazione di bolle e la rottura della verniciatura.

PREFA ITALIA su ARCHIPRODUCTS
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Quanto è equo il compenso dei professionisti? Leggi i risultati