Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Green pass, dal 15 ottobre sarà obbligatorio per lavorare negli studi professionali
PROFESSIONE Green pass, dal 15 ottobre sarà obbligatorio per lavorare negli studi professionali
AZIENDE

I comandi Vimar in radiofrequenza ideali per le ristrutturazioni

Comfort, design e basso impatto ambientale

29/08/2013 - Comfort, sicurezza, design, ma anche praticità, basso impatto ambientale e riduzione dei consumi. Sono tutti aspetti che caratterizzano fortemente le richieste di chi vuole vivere gli spazi della propria abitazione nel miglior modo possibile.
 
E per far si che una casa, oltre ad essere bella e accogliente, sia anche modellabile in base alle proprie esigenze Vimar propone i comandi in radiofrequenza. Soluzione ideale in caso di ristrutturazioni, ampliamenti d’impianto, cambio di destinazione d’uso o di arredamento, installazioni sottoposte a vincoli architettonici/normativi, questa tecnologia consente di estendere l’impianto -  aggiungendo punti di comando, attuatori e sensori - a tutte quelle aree in cui non è conveniente o non è possibile intervenire con opere murarie.
 
I dispositivi in radiofrequenza per l’automazione e il comando delle luci - disponibili per le serie civili Eikon Evo, Eikon, Arké e Plana e facilmente installabili su legno, vetro o muro - offrono la praticità dei comandi senza batterie. Grazie infatti all’affidabilità della loro tecnologia, i dispostivi Vimar utilizzano l’energia prodotta dalla pressione dei tasti. Non è quindi necessario sostituire e smaltire le batterie, rispettando così l’ambiente e ottenendo risparmio energetico.
 
Caratterizzati da una sporgenza minima, i dispositivi in radiofrequenza Vimar possono dialogare sia con il sistema domotico By-me che con l’impianto elettrico tradizionale e non necessitano di particolari procedure di installazione. Per offrire la massima flessibilità.

VIMAR su Archiproducts.com

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui