Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Decreto Requisiti Tecnici, posa in opera esclusa dai massimali di costo
NORMATIVA Decreto Requisiti Tecnici, posa in opera esclusa dai massimali di costo
LAVORI PUBBLICI

Infrastrutture e debiti Amministrazione, in arrivo 95 miliardi

di Paola Mammarella

Nel piano di Cassa Depositi e Prestiti 2013-2015 edilizia scolastica e efficienza energetica

Vedi Aggiornamento del 23/10/2013
Commenti 5907
05/08/2013 – Infrastrutture, pagamento dei debiti della Pubblica Amministrazione alle imprese, social housing, edilizia scolastica, sostegno alle imprese e Mezzogiorno. Sono i punti cardine del piano industriale 2013-2015 approvato da Cassa Depositi e Prestiti, che dovrebbe mettere in circolo dagli 80 ai 95 miliardi di euro.
 
Secondo il piano, nel triennio dovrebbero essere mobilitate a favore di enti pubblici e territorio, infrastrutture e imprese risorse fino a 80 miliardi, pari al 5% del Pil nazionale.
 
Le risorse saranno ripartite in tre direttrici. Per gli Enti pubblici e il territorio saranno a disposizione 23 miliardi che saranno destinati in particolar modo al social housing, attraverso il pieno utilizzo del fondo FIA, e all’edilizia scolastica con finanziamenti di scopo e con interventi in capitale di rischio.
 
Alle infrastrutture andranno 9 miliardi destinate alla progettazione, avvio e finanziamento di opere infrastrutturali. Sarà inoltre rafforzato il ruolo di CDP nella promozione attiva della bancabilità delle grandi opere.
 
Per la promozione delle piccole infrastrutture è poi allo studio la creazione di un fondo ad hoc, che si propone di attivare accordi di co-investimento con altri investitori istituzionali di lungo termine.
 
Per le imprese saranno infine destinati 48 miliardi a supporto della crescita e dell’internazionalizzazione delle imprese, nonché alla valorizzazione di asset strategici.
 
Secondo i programmi di Cassa Deposoti e Prestiti, potrebbero essere messi in circolo altri 15 miliardi così suddivisi:

- 4 miliardi per il pagamento dei debiti della Pubblica Amministrazione;
- 1 miliardo per le infrastrutture, con operazioni di project finance estero e la concessione di finanza agli operatori nel settore delle opere pubbliche;
- 5 miliardi per imprese di media dimensione, macchinari, impianti e attrezzature e strumenti per favorire l’accesso al credito;
- 5 miliardi per altri interventi a supporto dell’economia, tra cui il finanziamento degli interventi di efficientamento energetico degli immobili.
 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui