Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Bonus edilizi, Ance: ‘è saltato il riferimento ai prezzari Dei’
NORMATIVA Bonus edilizi, Ance: ‘è saltato il riferimento ai prezzari Dei’
NORMATIVA

Imu e Tares, a pagare di più sono state le imprese

di Paola Mammarella

Confartigianato: ammonta a 9,3 miliardi il peso dell’Imu per il 2012, novità in vista con la Service Tax

Vedi Aggiornamento del 29/11/2013
29/08/2013 – Le imprese sono state finora penalizzate dal sistema di imposizione sugli immobili. Ad affermarlo è Confartigianato, che ha stimato in 9,3 miliardi il peso dell’Imu del 2012. Un onere che sarebbe aumentato a gennaio 2013 e a causa della Tares.
 
Secondo Confartigianato, la cifra pagata dagli imprenditori italiani rappresenta il 39,1% del totale dei 23,7 miliardi di gettito Imu dello scorso anno.
 
Da gennaio 2013, continua Confartigianato, l'aumento automatico da 60 a 65 del moltiplicatore da applicare alle rendite catastali per gli immobili produttivi ha fatto aumentare il prelievo dell’8,3%, pari a 491,2 milioni di euro.
 
A detta di Confartigianato, che ha fatto il punto della situazione sul sistema di imposizione degli immobili, nel passaggio dall’Ici all’Imu a pagare di più sono stati gli imprenditori.
 
Il 50,6% dei Comuni italiani avrebbe aumentato infatti l’aliquota base da applicare agli immobili produttivi, il 47,9% ha mantenuto l’aliquota base del 7,6 per mille e soltanto l’1,6% dei Comuni l’ha ridotta. Ne consegue che l’aliquota media nazionale applicata agli immobili produttivi è salita al 9,4 per mille.
 
Per Confartigianato la situazione non cambia se si prende in considerazione la Tares. L’applicazione del nuovo tributo su rifiuti e servizi potrebbe provocare un aumento medio di 26 euro per abitante. Per alcune tipologie di imprese, sottolinea Confartigianato, l’applicazione della Tares sarebbe un salasso, con rincari fino al 301,1%.

La situazione descritta potrebbe però nuovamente cambiare. Il Consiglio dei Ministri di ieri ha infatti approvato l'abolizione dell'Imu per il 2013 e la sua sostituzione con la Service Tax a partire dal 2014. Il nuovo tributo assorbirà anche la Tares e aprirà quindi nuovi scenari (Leggi Tutto).
 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui