Carrello 0
Venezia: 'Leonardo Da Vinci. L’Uomo universale'
EVENTI

Venezia: 'Leonardo Da Vinci. L’Uomo universale'

di Valentina Ieva
Commenti 2050

Esposto per la prima volta il corpus di studi e opere grafiche del maestro fiorentino

Commenti 2050
12/09/2013 - Gli spazi delle Gallerie dell’Accademia di Venezia ospitano fino al prossimo dicembre la mostra inedita “Leonardo Da Vinci. L’Uomo universale” a cura del Direttore del Gabinetto dei Disegni Annalisa Perissa Torrini.

Un patrimonio preziosissimo composto da un corpus di 52 disegni originali, tra cui spicca quello più noto dell’Uomo Vitruviano, è esposto al pubblico per narrare e ripercorrere le tappe significative della carriera del maestro fiorentino, e, in particolare, il modus operandi del genio creativo, posto alla base di tutti i suoi interessi e dei suoi studi, dall’uomo all’architettura, dalla botanica all’ingegneria, dalla fisica alla meccanica.

Un nucleo veneziano di 25 disegni realizzati dal 1478 al 1516, e riuniti nuovamente dopo la prima volta avvenuta nel 1980, è affiancato da una serie di prestigiose opere grafiche concesse in prestito da alcuni tra i più importanti musei italiani e stranieri, quali la Biblioteca Reale di Torino e il Gabinetto Disegni e Stampe degli Uffizi di Firenze, le collezioni Reali di Windsor Castle, il British Museum di Londra, il Musée du Louvre, l’Ashmolean Museum di Oxford.

L’ampia rassegna include un’eccezionale sezione dedicata allo studio delle proporzioni, che trova la sua piena realizzazione nell’Uomo Vitruviano, esito di uno studio che unisce arte e scienza, divenuto icona dell’idea di perfezione classica del corpo umano.

A rendere completa la mostra dieci volumi originali, che documentano l’eredità storica degli studi di Leonardo, una selezione di disegni realizzati dai suoi allievi (Cesare da Sesto, Giovan Agostino da Lodi, Francesco Melzi, Andrea Solario), una collezione di incisioni.
 
 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
maxalexmax

Ciò che unisce i geni è la ricorsività. Il moltiplicarsi dell’immagine di un oggetto posto tra due specchi piani paralleli è una tipica situazione ricorsiva. Effetto ottico che i geni, in vari modi, ricreano nelle loro opere. La ricorsività è legata all’intelligenza, e si ritrova nelle sue manifestazioni. Leonardo da Vinci e Michelangelo Buonarroti ebbero un’intelligenza simile e simile fu anche il loro volto nella maturità. Le opere del Rinascimento viste come icone, la Sindone di Torino come un quadro rinascimentale. La Sindone testimonia che Gesù e Leonardo avevano un volto simile. Cfr. Ebook (amazon) di Ravecca Massimo. "Tre uomini un volto: Gesù, Leonardo e Michelangelo". Il Vangelo come non l’avete mai letto, le opere di Leonardo da Vinci e Michelangelo Buonarroti come non le avete mai guardate. Grazie.


x Sondaggi Edilportale
Lucernari e cupole per illuminare dall'alto, quali usi nei tuoi progetti? Partecipa