Carrello 0
PROFESSIONE

Bagheria, per il Comune le attività di progettazione valgono un euro

di Paola Mammarella

Cnappc: “è un ricatto verso professionisti alla disperata ricerca di lavoro”, il Comune cercava progettisti da inserire tra i suoi fiduciari

Vedi Aggiornamento del 05/06/2014
26/09/2013 – Un euro per gli ingegneri e gli architetti chiamati a redigere progetti per la riqualificazione degli edifici scolastici. È quanto intende pagare il Comune di Bagheria (Palermo), incassando dure proteste da addetti ai lavori e Consigli degli ordini professionali.
 
Le richieste del Comune
Il Comune di Bagheria ha pubblicato di recente un avviso rivolto ad ingegneri e architetti, chiamati a manifestare la propria disponibilità ad assumere incarichi di progettazione per la partecipazione al bando relativo alla delibera CIPE 79/2012 contro la dispersione scolastica.
 
In sostanza, il Comune doveva progettare e realizzare opere per il risanamento delle scuole, ma data la ristrettezza dei tempi e la carenza di personale ha fatto ricorso a un bando per la selezione di professionisti in grado di occuparsi di questi compiti.
 
In base all’avviso, la redazione del progetto avrebbe costituito titolo preferenziale per l’affidamento della direzione dei lavori. Per le prestazioni, però, l’avviso prevedeva il compenso di un euro. Di fronte alle prime critiche, il sindaco aveva inoltre risposto che si trattava di beneficenza da parte dei professionisti e che non si richiedeva nessuna concorrenza sleale, ma che i progettisti sarebbero stati inseriti negli elenchi dei fiduciari del Comune.
 
Le reazioni dei professionisti
Diversa l’idea dei professionisti. In una lettera inviata al Comune, il Cnappc, Consiglio nazionale degli architetti, pianificatori, paesaggisti e conservatori, ha affermato che l’avviso costituisce un ricatto nei confronti di professionisti in disperata ricerca di lavoro.
 
Gli studi professionali, continua il Cnappc, “non possono permettersi di redigere il progetto di un'opera pubblica, con tutti gli oneri e le responsabilità che questo comporta, dietro l'insultante compenso di un euro”.
 
A detta del Cnappc l’avviso pubblico non prende in considerazione il lavoro intellettuale dei tecnici, ma allo stesso tempo il Comune non comprende che troppi problemi dell'edilizia pubblica italiana derivano anche dal non aver sviluppato in modo corretto i progetti che sono a monte delle opere non finite o costellate da problemi tecnici e amministrativi.
 
Il progetto, sostiene il Cnappc, deve essere inteso come programmazione del futuro di una comunità e il non rendersene conto pone l’Italia all’ultimo posto per incapacità  di investimento dei Fondi Strutturali Europei e l’assenza di manutenzione e riqualificazione.

Il Cnappc ha quindi diffidato il Comune di Bagheria a proseguire le procedure relative all'avviso pubblico, ideato secondo una logica “aberrante che illegittima dal punto di vista normativo”.
 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
Maximo F

... incassando dure proteste da addetti ai lavori e Consigli degli ordini professionali .... sarà, ma probabilmente sono state poco "rumorose" e se mai sentite solo localmente, molto localmente; eppure, si è sentito dire che l'unione fa la forza .....

thumb profile
giusy

La logica che ha dato vita a tale BANDO è abbastanza chiara: "Sfruttiamo i molti e MANGIAMO in pochi". Si fa leva sulla disoccupazione che , venute meno "le sanatorie", ha portato alla "FAME" la categoria. La cosa più grave PERO' non sta nel pretendere che PROFESSIONISTI lavorino GRATIS, MA NEL MECCANISMO DI UNA fantomatica graduatoria!!!Il messaggio ???Lavora,.... DAI IL MEGLIO DI TE!!! E..... alla fine"? ....i lavori" verranno affidati con la solita "costumanza".......o VOTI DI SCAMBIO, O.......che vergogna!!!!! I sindacati? Meglio lasciare perdere....Hanno a cuore solo il numero delle tessere, che poi utilizzano come merce di scambio "pro domo loro"!!!!

thumb profile
Porico

Vista così la facenda è un volgare ricatto . Tu fai il progetto a gratis, acollandoti le spese e noi ,generosamente, ti inseriamo nell'elenco de tecnici "fiduciari" del Comune. L'elenco dei tecnici però,secondo le leggi dello Stato Italiano, va redato in base ai curricola e non con criteri discrezionali degli amministratori, questo metodo si chiama "Mafia".

thumb profile
Maurizio Maturi

Perfettamente d'accordo per salvare l'Italia ed il bene pubblico, purchè anche il sindaco, la giunta, e tutta l'amministrazione comunale, compresi i vigili urbani, si riducano lo stipendio mensile alla stessa cifra.

thumb profile
Ing. Luigi P.

Molto ma molto semplice, se c'è qualcuno che ha la brillante idea di fare queste proposte oscene è perchè ci sono 1000 "buoni" motivi perchè lo faccia ... vogliamo elencarli tutti e 1000 ??? Non penso che sia necessario ... Vergogna ... uno stato come gli USA dopo il crollo delle banche in meno di 5 anni si è ripreso alla grande (e lo dico perchè ho un cugino li che fa l'immobiliarista e mi racconta della ripresa economica del settore edile), uno stato come la Germania si è presa carico, oltre 20 anni fa, di RICOSTRUIRE una nazione intera, ed è ad oggi lo stato più forte di tutta l'Europa (noi italiani ci saremmo pianti addosso per oltre un secolo) ... Noi ??? Bhè ormai commentiamo ogni giorno situazioni sempre più grottesche, ci diciamo sempre le stesse cose ... ma alla fin fine sarebbe meglio essere coscienti che questo è un paese alla deriva più completa, ed a meno che non si faccia parte di qualche studio che ha davvero tanto lavoro da fare, per il resto c'è da fare la fame ... se qualcuno non è d'accordo con questa mia analisi, mi convinca del contrario con prove certe o dati di fatto, solo in quel momento mi renderò conto che sono io l'unico ingegnere d'Italia che non è capace di vivere una situazione lavorativa decente ...

thumb profile
gabriele

è tutto molto semplice il responsabile del servizio tecnico di questo comune, nonchè chi ha dato un occhiata al bando per verificarne la regolarità amministrativa ( ufficio legale del comune o forse addirittura il segretario comunale ! ) devono essere perseguiti per legge per aver commesso un illecito amministrativo !! e che i sindacati non li proteggano !!!! e neanche chi li dovrà giudicare


x Sondaggi Edilportale
BIM: professionisti italiani, siete pronti? Leggi i risultati