Carrello 0
AZIENDE

Acustica sottoparquet di Isolmant, quando il materassino fa la differenza

09/10/2013 - Circa un centinaio di operatori professionali hanno preso parte lo scorso 20 settembre a un incontro tecnico-formativo promosso da Tecnasfalti-Isolmant presso la sede di Carpiano (MI) in collaborazione con A.I.P.P.L. Il titolo, quanto mai di attualità, era “Requisiti acustici passivi degli edifici: il ruolo attivo del parquet nell’isolamento al calpestio e le opportunità del risanamento”. Con l’occasione, Dalvano Salvador, presidente di A.I.P.P.L. (Associazione Italiana Posatori Pavimenti in Legno) ha presentato in anteprima nazionale la seconda parte della Norma UNI 11368, espressamente riservata alla posa flottante del parquet.
 
La presenza, certamente eccezionale, di tanti professionisti del settore a un evento di formazione tecnica è il risultato di più fattori. In primo luogo, come ha affermato Gianpaolo Vercellotti, direttore generale di Isolmant, si conferma il sempre maggiore apprezzamento della qualità dei prodotti Isolmant e il grande lavoro di promozione delle soluzioni specifiche per le problematiche di rumorosità acustica da calpestio nella posa del parquet. Anche in un momento congiunturale sfavorevole, l’azienda vuole dare un segnale di positività, investendo in un settore che, se è relativamente nuovo nel nostro mercato, non lo è certamente all’estero, soprattutto in Francia e in Belgio, dove Isolmant opera con successo da oltre vent’anni, grazie anche a una diversa cultura nella posa del parquet flottante presente in quei paesi e, più generalmente, negli stati del nord Europa.
 
Ma i professionisti presenti, la loro partecipazione realmente attiva alle varie fasi della giornata attraverso la richiesta continua di informazioni aggiuntive, hanno dimostrato come una formazione tecnica appropriata e sempre aggiornata verso l’innovazione di prodotto e di applicazione sia, prima di tutto, un alto valore aggiunto di professionalità. L’attenzione verso le problematiche principalmente riferite alla propagazione del rumore in ambito strutturale, da parte della committenza e dei progettisti più sensibili, assegna ai posatori professionali un ruolo determinante nell’affermazione dell’isolamento acustico come fondamentale principio progettuale e costruttivo.

Fino a ieri, infatti, nel nostro paese e specificatamente in ambito parquet, l’acustica non ha avuto l’attenzione che oggi invece il mercato richiede. Grazie alla gamma della Linea Parquet proposta da Isolmant ora non solo si riescono a risolvere numerosi problemi di acustica, ma la varietà di prodotti e soluzioni permette sempre e in ogni caso di soddisfare perfettamente le più severe normative.
Una delle componenti fondamentali della qualità dell’offerta di Tecnasfalti-Isolmant è la capacità del suo Ufficio Tecnico di adeguare la formulazione dei prodotti alle specifiche richieste del mercato. Su questo concetto e sulle caratteristiche principali di una corretta posa flottante del parquet per il risanamento acustico si è espressa Carola Aratari, responsabile dell’Ufficio Tecnico.
 
Un altro momento centrale dell’incontro ha visto protagonista Simone Mannocci, product manager della Linea Parquet, che ha presentato i prodotti e le loro caratteristiche tecniche. La gamma delle soluzioni che compongono la Linea Parquet è suddivisa in tre principali settori: la Linea Casa, la Linea Professional e la Linea Applicazioni Speciali, e il nuovo Catalogo presenta ben cinque nuovi prodotti, frutto della stretta collaborazione fra i settori tecnico e commerciale dell’azienda.

Le proprietà performanti di alcuni materassini sottoparquet sono state oggetto, in chiusura di giornata, di un interessante e particolarmente seguito momento di prove pratiche, con la misurazione e la valutazione dal vivo dei requisiti prestazionali, anche in riferimento alla Norma UNI 11368-2.

Isolmant - TECNASFALTI su Edilportale.com
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Bonus per la casa, come migliorarli? Leggi i risultati